Le figlie dei Faraoni: con Introduzione e Note di Anna Morena Mozzillo

La presente edizione del testo di Salgàri comprende:
1) Un’Introduzione, corredata di una sezione sulla vita e le opere dell’Autore.
2) Una sezione dedicata alle Note, 145, che chiariscono i termini stranieri o gergali presenti nel testo, come pure le tante voci storiche e geografiche.
La storia del presente romanzo ha per protagonista il giovane e coraggioso Mirinri, che vive nel deserto ignaro della sua nobile nascita; un giorno egli salva dalle grinfie di un coccodrillo una bellissima fanciulla, e se ne innamora, non riuscendo a dimenticarla; trova anzi un oggetto che ella ha perso, un ureo, simbolo del potere dei Faraoni, che gli fa capire come la ragazza sia la figlia del faraone in carica. Questo fatto lo sconforta, poiché pensa di non poter mai annullare le distanze sociali che lo dividono dalla sua bella e di non poter quindi aspirare alla sua mano. Il vecchio Ounis, però, che ha salvato Mirinri quando era ancora un bambino e che lo ha allevato come un figlio, svela al giovane una tremenda verità: Mirinri è figlio del grande Teti, il Faraone che ha salvato l’Egitto combattendo valorosamente contro i Caldei, ma il fratello di questi, Pepi, ha usurpato il trono, uccidendo tutti i componenti della famiglia del rivale, tranne appunto il discendente e legittimo erede al trono, salvato a suo tempo dall’anziano Ounis, che ha però una diversa identità da quella che sembrerebbe. Il titolo del romanzo allude a un’altra figlia di Faraoni, la bella Nefer, che si innamora a sua volta del bel Mirinri, pur sapendo che egli ama l’altra. Dopo numerose vicende, dove non mancano i colpi di scena, con avvenimenti anche molto crudi, che ci ricordano la violenza di quei tempi, la storia si avvia allo scioglimento finale.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Emilio Salgari

La giraffa bianca -Avventure nell'Africa meridionale: con Introduzione e Note di Anna Morena Mozzillo

La giraffa bianca -Avventure nell'Africa meridionale: con Introduzione e Note di Anna Morena Mozzillo di

La presente edizione del testo di Salgàri comprende:1) Un’ Introduzione, corredata di una sezione sulla vita e le opere dell’Autore.2) Una sezione dedicata alle Note, 49, che chiariscono i termini stranieri o gergali presenti nel testo, come pure le tante voci storiche, geografiche, tecniche e naturalistiche.Il dottor Skomberg arriva in Africa meridionale per trovare un rarissimo esemplare di g...

Le novelle marinaresche di mastro Catrame

Le novelle marinaresche di mastro Catrame di

Non avete udito mai parlare di mastro Catrame? No?...Allora vi dirò quanto so di questo marinaio d'antico stampo, che godette molta popolarità nella nostra marina: ma non troppe cose, poiché, quantunque lo abbia veduto coi miei occhi, abbia navigato molto tempo in sua compagnia e vuotato insieme con lui non poche bottiglie di quel vecchio e autentico Cipro che egli amava tanto, non ho mai saput...

Le meraviglie del Duemila

Le meraviglie del Duemila di

Il piccolo battello a vapore che fa il servizio postale una volta alla settimana, fra Nuova York, la più popolosa città degli Stati Uniti d'America settentrionale, e la piccola borgata dell'isola Nantucket, quella mattina era entrato nel piccolo porto con un solo passeggero. Accadeva spesso, durante l'autunno, terminata la stagione balneare, che rarissime persone approdassero a quell'isola, abi...

La bohême italiana. Una vendetta malese

La bohême italiana. Una vendetta malese di

Mi avevano scritto:«Andiamo in campagna a fondare una colonia artistica».Potete immaginarvi se io mi ero affrettato a preparare le mie valigie!La campagna era stata sempre il mio sogno. Le mie occupazioni, disgraziatamente, mi avevano sempre impedito di realizzarlo, o meglio non avevo mai trovato i mezzi sufficienti per permettermi questo lusso.Avevo più volte provato a cercarmi un posticino su...

Il re del mare

Il re del mare di

– Dunque, si va avanti sì o no? Corpo di Giove! È impossibile che noi siamo caduti come tanti stupidi su un banco.– È impossibile avanzare, signor Yanez.– Che cos'è dunque che ci ha fermati?– Non lo sappiamo ancora.– Per Giove! Era ubriaco il pilota? Bella fama che si acquistano i malesi! Ed io che li avevo creduti, fino a stamane, i migliori marinai dei due mondi!– Sambigliong, fa' spiegare de...

Il vampiro della foresta

Il vampiro della foresta di

Le foreste dell'America meridionale, sotto certi aspetti, sono ben più pericolose di quelle africane, quantunque anche queste siano popolate da un gran numero di fiere, avide specialmente di carne umana.L'uomo che le percorre, ad ogni istante si trova in procinto di lasciarvi la vita, perché non le sole belve lo insidiano, ma ben anche certi volatili pericolosissimi; perfino anche certe piante ...