Come Ogni Volta

Era elettrizzante, essere guardata in quel modo. Mi aveva resa più che un po’nervosa, ma era stato inebriante, preso tutto in una volta. Appoggiai i fiori sul tavolo e cercai il biglietto con un sorriso sul volto. Aprii lentamente la busta, estraendo sia un biglietto che una chiave magnetica di un hotel. Mettendo fa parte la chiave, lessi prima il biglietto.
"Animale domestico, spero che tu indossi ciò che ti ho indicato di indossare, perché sai quanto sarei deluso se così non fosse. La chiave è inclusa, anche se non ti servirà. Conosci già l'hotel e il numero della camera. Vai e bussa alla porta. Ti aspetterò. Sbrigati, animaletto mio. Non farmi diventare impaziente. "
Rabbrividii un po’mentre mettevo da parte il biglietto, infilando la chiave nella mia borsa e scivolando dentro un paio di scarpe con il tacco grosso. Feci un respiro leggero, girando un po’di fronte allo specchio a figura intera mentre mi controllavo da cima a piedi. Trucco, perfetto. Vestito perfetto. Capelli perfetti. Annuii tra me e me e mi misi la borsa sulla spalla, scivolando fuori dalla porta per dirigermi alla mia macchina. Passai accanto a un vicino e i suoi occhi mi seguirono. Arrossii di più quando sentii una o due parole di ammonimento mormorate dalla sua ragazza, e salii nella mia macchina.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Lady Eva

Un Agente Scrupoloso

Un Agente Scrupoloso di Lady Eva

Lucia avvolse le dita attorno all'albero e lo strinse. Era solido ma morbido e flessibile. Mina usò un'unghia per accendere il giocattolo a bassa velocità. Lucia urlò, strappò via la mano e poi ridacchiò. "Accidenti, mi hai spaventata", disse e poi diede una rapida occhiata al giocattolo. Poteva sentirlo canticchiare e la punta tremava. "Quella cosa potrebbe essere malvagia, nei punti giusti...

Benvenuta Nel Mio Mondo

Benvenuta Nel Mio Mondo di Lady Eva

Era tecnicamente il suo capo e lo aveva stuzzicato senza sosta in una conferenza d'affari. In un momento da soli in ascensore, la inchiodò al muro, con le braccia sopra la testa. Non era stato così forte come in realtà potesse sembrare e Carissa aveva lottato, ma senza successo. Daniel le aveva dato una lunga leccata lungo il lato del collo e poi le aveva sussurrato la minaccia nell'orecchio...

Ingenua

Ingenua di Lady Eva

Monica non l'aveva mai vista nuda prima. Nessuno l'aveva mai fatto, tranne gli estranei nei bagni della piscina. Mentre la faccia di Guendalina era semplicemente carina, il corpo in piedi di fronte a lei era squisito, qualcosa che nessuno negli ultimi anni aveva notato, dato che Guendalina faceva di tutto per non sfoggiare molta pelle nuda. Le sue gambe erano lunghe e le sue cosce avevano la ...

L'Unico Modo Per Restare

L'Unico Modo Per Restare di Lady Eva

Un pacco, un regalo inaspettato. Il passato che ritorna...il futuro che avanza Cara Debora, Ora hai visto il mio regalo. Posso solo dirti quanto sia emozionante ascoltare la tua voce, anche se non ne abbiamo mai parlato personalmente prima. Vedi, so molto di più su di te di quanto tu vorresti mai sapere. Per quanto riguarda il mio regalo, è tuo se lo accetti. Tanto vale cavalcare l'...

Virilità Nera

Virilità Nera di Lady Eva

Guardò mentre la sua mano andava al suo cavallo e lui si accarezzava mentre lei si accarezzava le tette ed i suoi capezzoli diventavano abbastanza eretti. L'aria fresca dell'autunno stava avendo qualche effetto su di lei, ma il pensiero di dare sollievo sessuale ad un estraneo in una strada della città la stava facendo impazzire per il bisogno, mentre si pizzicava i capezzoli tesi e lo ...

A Cosa Servono Gli Amici

A Cosa Servono Gli Amici di Lady Eva

Circa mezz'ora dopo, Luca era seduto nel soggiorno. Stava cercando di guardare la Tv, ma il ricordo del corpo di Erika era ancora fresco nella sua mente. Quelle grandi tette. Quel bellissimo cespuglio. Sapeva che avrebbe voluto mettere le mani sopra uno dei due, quella notte. Ma ogni ulteriore interazione con lei sarebbe stata imbarazzante come l'inferno. Giorgio l’avrebbe preso a calci in culo...