Il rosso & il nero: Il romanzo della «Peggio gioventù»

Dagli anni Ottanta ai tempi nostri, il racconto delle trame proibite della storia italiana ruota intorno al più grande furto di informazioni mai tentato e a due personaggi opposti ma vicini. Tito, il rosso, è in carcere per l’omicidio di una nobildonna; Achille, il nero, è un terrorista di destra che non si rassegna alla piccola criminalità ma ha grandi ambizioni. Attorno a loro si muove, come in un meccanismo a orologeria, una serie di personaggi indimenticabili: il misterioso Reclutatore, il potente prefetto Paciulli, la seducente Anka, l’efferato Maggiorino, il sinistro avvocato Piombo, l’orrendo Birro, la spregiudicata Thalia e un drappello di comprimari grandi e piccoli dei misteri nazionali. Con l’incontro fra Tito e Achille, la diffidenza nei confronti del nemico diventerà un’amicizia di rara schiettezza in un contesto torbido, che ritrae impietosamente bassifondi e alte sfere: piani eversivi dei Servizi, traffici di bande criminali e malaffare di politici corrotti. Raccontato con ritmo da noir e capace di scavare nella psicologia del nostro passato, questo grande affresco è opera di due maestri dell’arte di narrare l’Italia: il regista Marco Tullio Giordana e il giornalista d’inchiesta Lirio Abbate. Uno spaccato di storia che è parte di tutti noi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Lirio Abbate

La lista: Il ricatto alla repubblica di Massimo Carminati

La lista: Il ricatto alla repubblica di Massimo Carminati di Lirio Abbate Rizzoli

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della banca all'interno della città giudiziaria di Roma. Un'azione spettacolare: un commando riesce a saccheggiare in tutta calma alcune delle cassette di sicurezza della banca più sorvegliata d'Italia, senza sparare, senza forzare neppure un lucchetto, senza far scattare il doppio sistema d'allarme. Un colpo da 18 miliardi, ma Carminati, allora ...