IL MIO AMICO VINCENT - Dichiarazione postuma di amicizia a Vincent Van Gogh

Numerosi biografi del pittore si sono comportati nei suoi confronti da sanguisughe e hanno tentato di circoscrivere la sua vita vera e complessa all’interno di un racconto di comodo che procede dalla nascita alla morte rendendo entrambe equivoche, togliendo loro la sostanza densa e originale dell’individualità unica ed irripetibile, facendone un precotto di luoghi comuni in modo da evitare il più possibile il confronto con un’opera rimasta l’espressione definitiva di una vita troppo reale ed inequivocabile. Ed è davvero tragico il fatto che questa falsificazione viene eseguita solamente allo scopo di impressionare i lettori per implementare le vendite degli innumerevoli libri scritti su Vincent. Per quanto mi riguarda, non intendo aggiungere una riga a codesta logica deprimente, poiché non intendo parlare del pittore Van Gogh e del suo ruolo all’interno della storia dell’arte. Pur ammirandone la personalità umana ed artistica, mi rifiuto di parlare di Vincent come farebbe un biografo di mestiere, o di sezionarne l’anima per fini editoriali o d’altro genere. Il mio intento è quello di dare voce al bisogno appassionato di parlare di un amico morto. Il sentimento di amicizia che provo nei confronti di Vincent Pur essendo virtuale, è, per me, più concreto di quello che ho provato per tante amicizie che mi sono state fisicamente vicine, poiché è stato alimentato da un’affinità di carattere, da idee, da modalità espressive, da sensibilità d’animo, da una condivisione di destino umano, da interrogativi aperti al mistero della vita e della trascendenza senza luogo e senza nomi.Nel condividere gli avvenimenti della sua vita, così vera, ricca, contraddittoria, commovente, complicata, sgradevole, appassionante, come lo sono le vite di tutti in tutte le epoche, ho avuto bisogno di scrivere le pagine che seguono per affetto, per affinità, per comprensione, per solidarietà, per puro bisogno di amore verso un amico carissimo che mi ha fatto commuovere, piangere, sorridere, comprendere; che ha aiutato il mio cuore ad aprirsi completamente alla vita e al suo mistero. Le ho scritte con gioia, per riconoscenza verso un’esistenza e un’interiorità, quelle di Vincent, che hanno scavato sentimenti profondi ed unici facendone scaturire verità incontaminate.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di mario iraci

ETNA: LE QUERCE SECOLARI DI MONTE EGITTO: POESIE, DISEGNI E FOTO DI MARIO IRACI

ETNA: LE QUERCE SECOLARI DI MONTE EGITTO: POESIE, DISEGNI E FOTO DI MARIO IRACI di MARIO IRACI

Le querce secolari rappresentano la Natura in una maniera non simbolica ma concretamente attiva. Piante, terreno e aria vivono in simbiosi; la loro sostanza differente si alimenta con la stessa energia che alimenta tutte le forme viventi del nostro pianeta, l’energia solare o meglio ancora l’energia cosmica . Le querce di Monte Egitto si mantengono stabilmente solide nonostante la precarietà ...

ETNA: LE QUERCE SECOLARI DI MONTE EGITTO: POESIE, FOTO E DISEGNI DI MARIO IRACI

ETNA: LE QUERCE SECOLARI DI MONTE EGITTO: POESIE, FOTO E DISEGNI DI MARIO IRACI di MARIO IRACI

Pubblicando questo volume ho voluto collocare le poesie nell’ambiente naturale che le ha generate, quello dell’Etna e del suo territorio multiforme, ricco di piante, erbe e fiori, ma anche di spazi aperti, di solitudine, di terra nera e di lava. Il bisogno fisico dell’agire, del fare, del vivere la montagna e i suoi ecosistemi si somma al bisogno dell’intelletto (o si può dire dell’anima?) di ...

DIARIO INTIMO DI UN GIOVANE VENDITORE DI CAPPELLI: L'amore ai tempi del consumismo pornografico

DIARIO INTIMO DI UN GIOVANE VENDITORE DI CAPPELLI: L'amore ai tempi del consumismo pornografico di Mario iraci

Il testo ha la forma di un diario intimo, raccontato come scansione di vita dove l’angoscia personale del protagonista (qui definita senso di disagio) si alterna al sentimento dell’amore e alle intense sensazioni di piacere che prova attraverso il riconoscimento intimo e personalissimo delle donne con le quali vive le sue relazioni, al di fuori della cultura consumistico- pornografica che vuole...