Gott mit uns

“Non c'è cosa migliore da fare – durante un lungo viaggio in treno – che abbandonarsi ai pensieri; per me è l'unico momento in cui non ho l'obbligo di dare loro un ordine, nessuna voce interiore che mi dica 'non distrarti'.”

Così scrive Werner Grunwald nel suo diario personale. È il 20 settembre del 1939. Quel treno lo sta portando verso il suo futuro posto di lavoro. Un istituto creato per lenire le sofferenze di malati mentali. Lui sa ed è orgoglioso del fatto che opererà per il bene della Germania, esattamente come fanno i suoi amici Heinrich Schultz, medico nel campo di concentramento di Dachau, e Klaus Steiner, antropologo e ricercatore. Legati da un'amicizia fraterna e da una forte ideologia politica, ciascuno affronterà la guerra in maniera diversa. Si divideranno senza rivedersi mai, ma comunque fedeli a loro stessi.

"Gott mit uns è una finestra che si affaccia sull’altra prospettiva, penetra negli eventi che gli sconfitti hanno subìto, sviscera i pensieri di coloro che hanno partecipato al nazionalsocialismo da protagonisti, e non da antagonisti."

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Roberto Bolognesi

Tra due mondi

Tra due mondi di Roberto Bolognesi Roberto Bolognesi

Leàndros, un astuto mercante greco, approda sulle coste di una cittadina etrusca e incontra Lucer, un operaio che lavora il ferro. Gli vende delle anfore, ma ciò che attira il mercante è la giovane Thania, figlia di Lucer. Con il pretesto di mostrarle un vaso particolarmente pregiato, confidando nella fiducia ottenuta dal padre, attira la ragazza in una trappola e approfitta di lei, al punto da...

Il cuore perduto

Il cuore perduto di Roberto Bolognesi Roberto Bolognesi

Guido è un giovane di quattordici anni, introverso, che ha un sogno: diventare un pittore. Sa che non è facile intraprendere quel mestiere in una città come Firenze, piena di artisti che si contendono le commissioni più redditizie. Ciò nonostante dimostra presto il suo talento nella bottega di mastro Ghirlandaio e pian piano diventa aiutante nella pittura di affreschi. Un giorno l’occasione ...

Le rovine illuminate

Le rovine illuminate di Roberto Bolognesi Roberto Bolognesi

Ero nell’antica Roma. Conoscevo le strade, gli edifici, le statue colorate, i modi di dire, le storie… Cominciava a riaffiorare un mondo per me nuovo e incredibile, un passato vivo, crudo, spietato, sfavillante, una serie di rovine che adesso si illuminavano ai miei occhi. Non è un caso che finii per intitolarlo appunto “Le rovine illuminate”. La vita della giovane Giulia Livia divenuta ...

Il sapore della fine

Il sapore della fine di Roberto Bolognesi Roberto Bolognesi

La vita di Enrica è piatta e monotona, ondeggia fra le abitudini di campagna, come le colline delle Langhe in cui vive. Moglie sottomessa di un signorotto proprietario di un'azienda vitivinicola, ha conosciuto solo il matrimonio, la noia e un figlio perso durante il parto. Un bel giorno si ritrova ad assistere alla fine di una battuta di caccia al cinghiale, e le accade qualcosa di strano. Un ...

Postumano

Postumano di Roberto Bolognesi Roberto Bolognesi

In un futuro prossimo non esiste la libertà di scegliere. Le persone sono intrappolate in una bolla artificiale che li rende felici, e senza preoccupazioni. Non devono occuparsi di niente, al di fuori del lavoro. Il lavoro è vita, e il concetto di superfluo non esiste. Tutto questo si chiama Unicum. Unicum è la felicità senza doverla cercare, è l'espressione più completa dell'uomo bastante a se...

Il filo rosso

Il filo rosso di Roberto Bolognesi

Una leggenda orientale dice che un individuo, alla nascita, porta legato al mignolo della mano sinistra un filo rosso. L’altra estremità del filo è legata alla persona che è destinato a incontrare. È l’anima gemella. Non importa quanto tempo passerà prima che s’incontrino; non esiste evento o azione in grado di spezzare il filo rosso. Nulla impedirà che si riconoscano e che si amino. Proprio ...