Memorie di mondi

"Il tempo è un giocatore.
Mescola le carte, nasconde il volto dietro una nuvola di fumo e nel frattempo aspetta. Attende una nostra mossa. Il tempo non ha fretta, è consapevole che l'ultima scelta spetta comunque a lui. L'uomo vive di rimessa, si affanna cercando di afferrare lo scorrere degli attimi, di bloccare la cascata di sabbia dentro la clessidra.” (Dalla prefazione di Antonio Lanzetta).

Quattro racconti di sul concetto di tempo. Mondi futuri e passati, legati fra loro dallo sguardo dell'uomo, come una memoria che funzioni in entrambi i sensi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Maurizio Vicedomini

Sentenza notturna

Sentenza notturna di

L'oscurità della foresta sopravvive fra antiche leggende. La sua ombra sembra capace di strappare la vita, forse l'anima, a chi vi incappa al tramonto. Altri dicono che sia la dimora di un demone.Eric, dei Corvi Ambrati, non crede alle lontane superstizioni. Circondato dai corpi dei suoi guerrieri, avanza furibondo tra le fronde spettrali, gridando vendetta per i Corvi caduti.

Il richiamo della luna oscura

Il richiamo della luna oscura di

Eppure la luna oscura, ogni notte, lo chiamava.Gli sussurrava di strade segrete e sentieri dimenticati che l'avrebbero ricondotto finalmente a casa. Brillava nel suo tetro splendore, invogliandolo a viaggiare a lume di stelle, mentre il resto del mondo vagava su sentieri di sogni.E lui, ogni volta, si era lasciato soggiogare da quella voce, dalla speranza.

Ogni orizzonte della notte

Ogni orizzonte della notte di

«Cammini fra le tombe e ti sembra di vedere le ombre di vecchi datori di lavoro, colossi d'azienda, professori di quand'eri bambino. Di notte, là dentro, arrivi a pensare di poterci parlare, con i morti». «Dev'essere una bella esperienza». «Bella no, non direi. Ti sembra che la differenza fra te e loro sia così piccola, così insignificante, che basta fare un altro passo per fargli compagnia». O...