I riti dell'infinito (Urania)

Compra su Amazon

I riti dell'infinito (Urania)
Autore
Michael Moorcock
Editore
MONDADORI
Pubblicazione
6 agosto 2014
Categorie
IL VELIERO DEI GHIACCI (The Ice Schooner, 1966) La Terra è immersa in un sonno polare e sui mari bloccati dagli iceberg la civiltà è tornata all'epoca delle baleniere. A bordo di uno schooner che attraversa paesaggi accecanti sovrastati da picchi di ghiaccio, un uomo ossessionato compie un viaggio ai confini del pianeta per inseguire l'enigmatica Madre dei Ghiacci, un mistero nel mistero.

IL CAMPIONE ETERNO (The Eternal Champion, 1970) Fin dall'inizio dei tempi vi è stato un essere che ha combattuto per liberare il Multiverso dalle incombenti forze del caos. Quest'individuo formidabile è Erekose, qualcosa di più di un semplice essere umano ma meno di un dio.

I RITI DELL'INFINITO (The Rituals of Infinity, 1971) Nel subspazio, la Terra non è un pianeta unico. Esistono quindici mondi esattamente identici, anche se tutti hanno subito una mutazione. Quando appaiono le misteriose squadre D, quando si verifica una Situazione di Materia Instabile, nessuno può prevedere quello che accadrà tranne il professor Faustaff. Col suo gruppo di uomini, Faustaff viaggia tra una Terra e l'altra, cercando di impedire la distruzione che minaccia i pianeti paralleli. Dalla Los Angeles di Terra 3 alla San Francisco di Terra 1, la sua lotta non conosce confini.

MICHAEL MOORCOCK Nato a Londra nel 1939, è considerato uno dei massimi autori inglesi di sf e fantasy ed è stato anche il direttore della rivista "New Worlds". Tra le sue opere più celebri, il ciclo di Jerry Cornelius (iniziato con Programma finale, 1969, da cui è stato tratto il film Alfa Omega il principio della fine, di Robert Fuest) e l'epopea del Campione eterno.

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Michael Moorcock

Il corridoio nero (Urania)

Il corridoio nero (Urania) di

Tra la fine del XX e l'inizio del XXI secolo sembrò a Ryan (e non solo a lui) che il mondo fosse avviato a una catastrofe indecorosa. La terra scoppiava, rigurgitando disastri come in un romanzo di Alan D. Altieri: sicché Ryan, con la fermezza innata dell'uomo d'affari inglese, decise di sopravvivere a modo suo. Costruì un'astronave, la battezzò Hope Dempsey e con alcuni arditi partì verso la...