Il Tuo Nuovo Ragazzo

"Ti ho portato una cosa, signorina Callum." Lui sorrise e posò la borsa regalo sul tavolino.
"Per favore, chiamami Stella." Gli sorrisi e lo ringraziai mentre prendevo la borsa, e mi avvicinai. Tirai fuori un bellissimo paio di scarpe con tacco alto. Sono sicura di essere rimasta scioccata mentre la mia bocca era aperta. Era un dono di natura più intima di quanto fosse appropriato. Mi sentii arrossire e una sensazione inquieta si insinuò nel mio cuore. Lo sentii martellare nel petto. Ero sicura che potesse sentirlo anche lui. Il suo sorriso divenne un po’più scuro.
"Indossale, Stella." Il suo tono era decisamente più severo. Sapevo che non si stava mettendo bene. Ho sempre pensato che avrei saputo cosa fare in una situazione di aggressione sessuale. Ho sempre pensato di poter respingere un attacco. Mi mantengo in gran forma e non sembro un bersaglio facile. Cammino con fiducia e presto attenzione a ciò che mi circonda. Questo non doveva succedere.
Il suo tono divenne un po’più freddo mentre esitavo. "Metti ...le scarpe ... Stella." Il suo tono esprimeva cattive intenzioni verso un’eventuale disobbedienza.
Continuava a dire il mio nome, come se fossi un bambino sgridato. I miei migliori istinti di sopravvivenza mi suggerirono di stare al gioco, quindi indossai le scarpe. Erano eleganti, nere e lucenti. Potei dire che aveva speso un bel po’ di soldi per loro. Mi chiedevo come conoscesse la mia misura. La vestibilità era perfetta.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione

Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Cassandra Goren

La Dissolutezza Dentro Di Me

La Dissolutezza Dentro Di Me di Cassandra Goren

La sua mano si avvicinò lentamente a lei come un serpente, convocandola, inducendola ad avvicinarsi, finché non le trovò la vita e la attirò a sé ed i loro corpi si toccarono ai lombi. Aveva sentito il suo pene duro sotto i pantaloni e aveva volontariamente appoggiato i fianchi contro di lui. Tutt'intorno, sentiva l'atmosfera sessualmente carica, le luci che irradiavano un incredibile calore ...

Brivido Erotico

Brivido Erotico di Cassandra Goren

L'eccitazione non può essere controllata... Velocemente, Beatrice tolse le scarpe e le posò sulla ringhiera del ponte. Il cemento emanava ancora il calore del giorno ed era caldo sotto i suoi piedi. Poi si chinò, afferrando l'orlo del vestito. Sollevando il vestito verso l'alto, lo tirò sopra la testa e lontano dal suo corpo. Ora stava sul ponte completamente nuda. Avvolgendo il vestito ...

Senza Nome

Senza Nome di Cassandra Goren

Guardò verso di me e sollevai il bicchiere appena in alto. Inclinò leggermente la testa e si alzò, facendomi cenno di andare da lei. Beh, perché no, questa cosa potrebbe andare in qualsiasi modo. Mi alzai e la osservai mentre si faceva strada tra la folla, la ragazza sembrava bellissima da tutti gli angoli. Era un vero ballo per lei, ed era una bellissima ballerina. Si sedette ad un tavolo ...

Esibisciti Per Me

Esibisciti Per Me di Cassandra Goren

"Mi piaci da molto tempo Jay," fece una pausa. "E speravo che anche io piacessi a te. Ero terrorizzata che se tu avessi saputo della mia altra vita avresti pensato che ero una specie di stramba puttana, o qualcosa del genere, e non volessi starmi intorno. Ora che sai e non sei corso via urlando, nè mi hai fatto la predica, o niente di simile, spero che potremo conoscerci meglio. " Il mio cuore...

Di Più

Di Più di Cassandra Goren

Quando le sue dita scivolarono giù verso la mia spalla, sopra l'ampia fascia del corpetto del mio vestito, e sfiorarono il mio braccio nudo, risucchiai il suo respiro nella mia bocca. Perfino attraverso il vestito e il reggiseno, sentivo il calore del suo tocco e mi dolevo perché volevo che mi ingollasse il seno, per alleviare una parte della pressione che provavo da quando ci eravamo ...

Vette Di Piacere

Vette Di Piacere di Cassandra Goren

Quando raggiunsero gli ascensori dell'hotel, Alba allungò il dito e premette l'unico pulsante per l'undicesimo piano. Guardò negli occhi di Alberto e mentre l'ascensore si spostava in fretta, il suo viso si trasformava in un sorriso dolce. Le mani di Alberto si spostarono per tenerla, prendendola delicatamente per mano e conducendola ai pochi gradini lungo il corridoio fino alla sua stanza. ...