A testa alta...

Roma oggi, Quartiere Prati, Nicola Formisano 55 anni sposato con Claudia con 2 figli Nicolò e Gianluca di 8 e 10 anni,soffre di una patologia : Pressione Arteriosa bassa che gli provoca forti giramenti di testa e perdita dell’equilibrio e della stabilita’. Si ritrova senza lavoro all’improvviso come tutti i suoi 23 colleghi dopo una lettera di pre-chiusura speditagli da Göteborg in Svezia dalla sua fabbrica per cui lavorava circa un anno prima…filiale italiana di Roma della “ ERICSON “ COMUNICAZIONI..cioè non altro che una ditta di costruzione di cellulari. Nicola si ritrova comunque senza lavoro e a mantenere la sua famiglia. Nicola passa dei brutti momenti legati al suo stato d’animo..anche a cena “ L’aria “ è pesante ma Claudia da brava moglie cerca sempre di sdrammatizzare..!!!Claudia:” E’ solo un periodo “ NO “..che prima o poi passera’…!!”Nicola:” Sono già quasi 5 mesi che non faccio niente..non si può andare avanti così. Alla fine i risparmi finiranno..”!!!Claudia:” Non disperare ci aiuteranno i miei genitori sai che i miei stanno bene..!!!”.Nicola verso Claudia con tono deciso e nervoso:” Questo non lo accetterò mai…mai..!!!” intanto i bambini guardano tutti impauriti il padre e tremolanti….Nicola si alza da tavola e va in camera a sdraiarsi sul letto tutto deluso dalla vita…arriva anche Claudia.. che gli dice.. Claudia :”Non voglio che gridi quando ci sono i bambini..s’impauriscono e iniziano a tremare…”!!!.Nicola :” Scusami amore ho sbagliato ..mi sono fatto prendere dalla disperazione, non lo farò più..”!!!.Claudia :” Non mettiamo in soggezione i nostri figli..ti prego ..loro non c’entrano niente “!!!.Nicola :” Ho capito..adesso lasciami stare..”!!!Nicola tutto innervosito dopo il battibecco con la moglie..si alza di scatto dal letto mette il soprabito ed esce e va in strada. Si dirige nel bar dove è di solito andare con gli amici la domenica a vedere la partita..entra si siede a un tavolo e ordina una birra. Il cameriere un suo vecchio conoscente gli porta la birra e lo saluta :Cameriere :” Ciao Nicola come va ??”Nicola:” Non va..sto’ attraversando un periodo di merda..”Cameriere:” Che ti è successo..??”,Nicola:”La fabbrica in cui lavoravo è stata chiusa..ci hanno sbattuto fuori tutti quanti..23 persone in mezzo a una strada..!!”.Cameriere:” Mi dispiace veramente..e adesso cosa fai..??”,Nicola:”Per adesso niente stiamo vivendo io e mia moglie e i ragazzi con i risparmi…ma se continuiamo così.. prima o poi finiscono..!!”.Cameriere:” E’ un bel casino…!!”.Nicola:” E’ un grande casino..!!”.Nicola:” Va portamene un’altra..(birra)..!!!”il cameriere gli porta la seconda birra..Nicola si accende anche una sigaretta e inizia a bere. Entrano nel bar anche Tullio e Armando 2 suoi amici,e lo vedono seduto al tavolo…Armando verso Tullio con tono meravigliato..Armando.” Ma quello non è Nicola ???”Tullio:”Si è proprio lui..e cosa ci fa qui a quest’ora..??” Armando da lontano chiama Nicola per salutarlo..Armando:” Nicola..”!!.Nicola si gira verso i due..Nicola:” Ciao Ragazzi..vi posso offrire una birra ??”Tullio con lo sguardo verso Armando sorridente :” Si accettiamo va bene..così facciamo anche quattro chiacchiere sulla “ Magica “.Così Tullio e Armando si siedono al tavolo insieme a Nicola e iniziano a parlare. Tullio verso Nicola: ”Ti vedo un po’ giù o e una mia impressione..!!”,Nicola:” Hai ragione..stasera ho anche litigato con mia moglie..sto’ di merda..!!”.Armando:”Cosa ti è successo..??”.Nicola:”Prima di entrare voi stavo parlando proprio al cameriere di questo…la fabbrica in cui lavoravo è stata chiusa e ci hanno sbattuti tutti per strada..abbiamo perso il lavoro 23 persone..!!!”.Tullio:” Cazzo..!!”Armando:” Che sfiga..”Nicola :” Adesso a casa stiamo un po’ tirando la cinghia con i risparmi..”!!.Nicola:” Ma non può andare sempre avanti così…cerco lavoro, sapete qualcosa..??”Armando: ”Mi pare di aver sentito un po’ di voci in giro da Oscar…che in un cantiere cercano manodopera..”!!Tullio:” Si è vero Oscar ha parlato...

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione

Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Gianfranco Vivoli

Un sorriso per Venere

Un sorriso per Venere di Gianfranco Vivoli

Roma oggi, Venere è una bambina di due anni affetta da una malattia genetica rara :Il Batten è fino a questa età non aveva manifestato nessun sintomo particolare,faceva una vita normale e giocava come tutti i bambini della sua età’, i suoi genitori si erano conosciuti sui banchi di scuola al liceo e s’innamorarono subito. Si sposarono giovanissimi, Carla aveva 22 anni, e Giulio 25..perche’ ...

Ogni 72 ore....

Ogni 72 ore.... di Gianfranco Vivoli

Roma oggi,Marta 36 anni casalinga e Nicolo’53 imprenditore di successo, si conoscono sui banchi della scuola media… praticamente da sempre da quando erano adolescenti,sono cresciuti insieme,è il loro amore è stato coronato con un bellissimo matrimonio da favola,hanno una figlia di nome Luana, piu’ che 20enne e un figlio maschio Giulio che ha compito da poco la maggiore età… ma da qualche anno ...

The black...outside !

The black...outside ! di Gianfranco Vivoli

From "800 suburbs of Paris, a couple of elderly leaders serving in a noble house in Marchesi give birth to a child named Patrick but unfortunately born crippled and blind at the end of the mother who still wanted a child at cost... already knowing "mother Claudette the dangers that would meet... however they were happy the same is willing to accept without regret. Patrick grew up in a reality ...

Delirium

Delirium di Gianfranco Vivoli

Roma oggi, Biblioteca della Citta’ del Vaticano, tra falsi miti e leggende, si narra che all’interno di questa ci sia un trittico di libri scritto in latino dai monaci Benedettini del 1300, dal titolo “ VITAE SANCTORUM “(Sulla Vita Sacra). Un Trittico composto da, un libro sulla “SAPIENTIAE“ (SAPIENZA), uno sulla “TOLERANTIA”(TOLLERANZA), e l’altro sull’”IMMORTALITATIS”(IMMORTALITA’)” che ...

Un giorno ti diro'...

Un giorno ti diro'... di Gianfranco Vivoli

Roma oggi, Supun, ragazzo Cingalese di 15 anni, di carnagione olivastra, piccolino 1,60 di altezza, detto dagli amici e dai conoscenti con il nomignolo di “ Pony “ venuto in Italia come tanti altri durante gli sbarchi di profughi sulle nostre coste, vive di espedienti e di elemosine nei pressi della stazione Termini della capitale dove è anche il suo rifugio notturno. Una vita ai limiti della ...

Portatemi Dio...gli voglio parlare !

Portatemi Dio...gli voglio parlare ! di Gianfranco Vivoli

Roma oggi, Camillo, ventiduenne, ragazzo down , viene da una famiglia modesta di lavoratori, lui non lavora, fa il chierichetto nella chiesa del rione aiutando don Giustino. Non riesce ad inserirsi nella società, ogni volta che cerca lavoro gli viene rifiutato, ha pochi amici, l’unico suo grande amore è Totti e la Roma, anzi per lui è una fede. Una domenica, ritornando a casa dopo servita la ...