La maschera di Edgar Allan Poe

La maschera di Edgar Allan Poe... che avida si scioglie, si lustra d'emozioni gravide di pregnanza mistica e in me, ispirato a lui, dal suo torbido malessere interiore, fosca, di lividi accesi, di flussi emotivi cangianti, s'effonde nell'animo splendidamente violato, (s)velato, volato via, inebriandolo estatico...



Questo non è un libro che raccoglie i racconti di Edgar Allan Poe e non è neppure una monografia saggistica sulla sua vita. È un intreccio di mie emozioni ispirate a lui, erte alle gloriose, magnificenti sue cupe e illuminanti storie immortali, tenebrose o pulsanti enigmatica, occulta lucentezza, un flusso di coscienza forgiato a speculari, empatiche rifrangenze analoghe nell'abissale fondermi dentro gli anfratti armoniosi e allucinatori delle lancinanti, profonde e arcane suggestioni liriche che il maestro creò di virtuoso, innovativo genio limpidissimo. È un'immersione mia foscamente intrepida per agguantare il bri(vid)o immemore della somma trascendenza sua onirica, nel mio dedalico tentativo vampiristico e vorticoso di evocare le inafferrabili, tetre, oscure emozioni viscerali, liquide e metafisiche, appunto, che l'irraggiungibile Edgar Allan Poe creò d'eterna, metempirica, luccicante brama emozionale a stupendo incantarmene nello statuario contagio dalla sanguigna discendenza prostrata dinanzi all'irraggiante, vivido lindore accecante in sua titanica, accorata, eterea, incorporea grandezza indiscussa e indistruttibile.


Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Stefano Falotico

Nicolas Cage, l'attore vampiro

Nicolas Cage, l'attore vampiro di

Nic, il versatile, imprendibile mutante... torturanti emozioni lo grattano, raschiando il suo sanguigno istinto a esuberanza talora volgare ma madida delle sue interiora vivide e sudanti... Nicolas Cage, amato, odiato, disprezzato da molti vili detrattori, osannato, beniamino per gli eletti che sempre lo apprezzeranno, criticato, discusso, controverso, spesso al centro dell’attenzione,...

David Cronenberg, poetica indagine divorante

David Cronenberg, poetica indagine divorante di

Dio David che guarda col solito sguardo ginecologico ed estrae il parto malsano della società sifilitica... David Cronenberg, il suo nome risona magmaticamente portentoso, raffinatamente austero d’immortale, incorniciante altezza nobiliare fra i pulsanti c(u)ori esul(tant)i di noi suoi prostrati, fervidi e invincibili amanti divora(n)ti, squittenti gioia passionalmente sanguigna, erti...

La maschera di Edgar Allan Poe

La maschera di Edgar Allan Poe di

La maschera di Edgar Allan Poe... che avida si scioglie, si lustra d’emozioni gravide di pregnanza mistica e in me, ispirato a lui, dal suo torbido malessere interiore, fosca, di lividi accesi, di flussi emotivi cangianti, s’effonde nell’animo splendidamente violato, (s)velato, volato via, inebriandolo estatico... Questo non è un libro che raccoglie i racconti di Edgar Allan Poe e non è neppure...

David Cronenberg Poetica indagine divorante

David Cronenberg Poetica indagine divorante di

Dio David che guarda col solito sguardo ginecologico ed estrae il parto malsano della società sifilitica... David Cronenberg, il suo nome risona magmaticamente portentoso, raffinatamente austero d’immortale, incorniciante altezza nobiliare fra i pulsanti c(u)ori esul(tant)i di noi suoi prostrati, fervidi e invincibili amanti divora(n)ti, squittenti gioia passionalmente sanguigna, erti...

Il cavaliere di Parigi

Il cavaliere di Parigi di

Forse Clint, ammantato di quest’aura principesca, da messia cherubino molto diavolo, altri non è che un ne(r)o “sbiancante” le notti delle ambiguità... Nelle notti lugubri dell’universale tragedia umana, ai bordi periferici d’una Parigi vellutatamente macabra, truculenta, incandescente, barbarica, manicomiale, violenta, scarnamente ferina, fantasmatica, languidamente mortifera, furiosamente...

L'ultimo dei romantici libertini

L'ultimo dei romantici libertini di

Giacciamo, gracchiando furenti nel vento, negl’intimi meandri delle nostre pulsioni furibonde, ululanti, strangolati da una realtà cagnesca, siamo identità smarrite nel crogiolo poliedrico di razze eleganti e inestinguibili di forza energetica maestosa. Inalberati, arrabbiati, rossi in volto, dalle avverse circostanze erosi, sviliamo nei tramonti “cerbiatti” di ser(at)e pallidamente...