BOBINE: Antologia di racconti brevi a cura di Silvia Fraccaro (Fuoricollana)

a cura di Silvia Fraccaro
Bobine
, come la bobina di un film, il rocchetto di un filo da cucito, o un rotolo di lenza da pesca che si srotola di storia in storia. Ventisette racconti uniti da un filo che dipanato ricostruisce un multiforme, intenso, emozionante viaggio nell’immaginario dei giorni nostri.
I ricordi di una bambina “cattiva” attraverso cui viviamo la sua realtà oscura; una donna ferma al semaforo e una ragazzina in fuga da casa senza meta; un giovane uomo sulla riva di un fiume con in mano la foto del padre morto in guerra; un marito geloso e ossessivo, la riabilitazione in un centro specializzato e il divorzio dalla moglie; un cuoco vegetariano che ammazza le aragoste per mestiere; una coppia messa alla prova dal trauma di un terremoto; una giovane donna che soffre di disturbi d’ansia; un coraggioso bambino africano su un’imbarcazione clandestina in un viaggio carico di morte e speranza verso le coste italiane; un ex partigiano che fugge dalla povertà del dopoguerra e tenta la fortuna in America; un’anziana creduta da tutti una strega e che “vive felice perché non cerca nulla oltre ciò che ha”; una donna che si costituisce ai carabinieri sostenendo di aver ucciso il marito violento e dispotico, e ancora: uno spaccato dei Quartieri Spagnoli a Napoli; una donna sola che si sente minacciata da uno sconosciuto sull’ultima corsa della metro di Milano; una chiave segreta lasciata da un misterioso ex collega d’ufficio; un avvocato sospeso dall’albo; l’amore di un padre vedovo per la figlia che soffre di disturbi della personalità.
In questi racconti a “tema libero”, che spaziano anche per genere letterario (non mancano racconti fantastici, distopici, umoristici e che giocano con l’ironia e l’esperimento linguistico), leggiamo di generazioni a confronto, rapporti familiari e di coppia intrisi di amore, potere, sogni e spesso di violenza e di oscuri misteri e di segreti. Bobine ricompone un’ampia geografia sentimentale e umana dislocata in tutta Italia, da nord a sud, dalle isole a sperduti paesi di campagna, fin dentro luoghi immaginari, e anche oltre, dal Mediterraneo all’Oceano Atlantico.
Giraldi Editore ha sempre puntato sul racconto, creando negli anni una collana esclusivamente dedicata a questa forma narrativa scovando voci talentuose e sorprendenti e pubblicando autori e autrici esordienti e non. Questa antologia è la naturale continuazione di questo percorso di ricerca letteraria. Giraldi Editore ha voluto indire un bando aperto a tutti e a tutte scommettendo proprio sul racconto e su scritti inediti in forma breve volutamente senza indicazioni tematiche, diversamente dalla consuetudine delle antologie.
Racconti di:
Alessandro Albarelli, Giulia Alberti, Anna Ardito, Maria Gabriella Bassani, Beniamino Cardines, Gianni Cascone, Sergio Casoni, Catiuscia Ceccarelli, Marilisa Dalla Massara, Elisa Della Scala, Andrea Ferri, Antonello Maria Giacobazzi, Daria Giuffra, Francesco Locane, Piero Mariella, Gianluca Morozzi, Bruna Orlandi, Onofrio Pagone, Giulia Perna, Luca Petralia, Gabriella Pirazzini, Guido Rojetti, Daniela Rosas, Mario Saccomanno, Giulia Schiavoni, Fausto Severi, Monica Vodarich, Andrea Zuffa.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di

Vite Rubate: Storia di un rapimento avvenuto all'Isola d'Elba nel '500

Vite Rubate: Storia di un rapimento avvenuto all'Isola d'Elba nel '500 di

Isola d'Elba, XVI secolo. Emilia è una ragazzina nata e cresciuta nell'antica terra di Rio. È molto bella e ha una personalità forte, che le impedisce di tollerare le imposizioni dettate da una società che lascia poco spazio all'immaginazione. Proprio quando sembra avere accettato il suo destino di donna, accadrà qualcosa che sconvolgerà per sempre la sua esistenza e quella dei suoi cari.

Ci si può solo perdere

Ci si può solo perdere di

Luca è incastrato in una routine che lo soffoca ogni giorno di più. Ha sempre mostrato un carattere docile e i suoi familiari non lo prendono sul serio quando inizia a dare i primi segnali di insofferenza. Il ragazzo decide di agire per non trovarsi prigioniero di una vita che non lo soddisfa, così compie un gesto estremo che può essere visto sia come una manifestazione di coraggio che di ...