Fluttonia e i mondi sommersi

Da tempo ormai era stato notato come l’agire umano stava inquinando le acque e di quanto le specie marine e fluviali ne risentissero, ma era tassativamente proibita ogni forma di comunicazione tra mondo terrestre e acquatico perciò, per molti anni, si era sperato che le epidemie scaturite dall’inquinamento cessassero da sé e che i rifiuti non venissero più gettati a casaccio impunemente.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Silvia Marchetti

Trama e recensione libro “Fluttonia e i mondi sommersi” di Silvia MarchettiSilvia Marchetti

Quella di Silvia Marchetti è una favola, una di quelle che sta a noi concludere nella vita reale, con i nostri comportamenti, le nostre attenzioni verso questa Terra che ci accoglie. Con un linguaggio semplice, come se l’autrice avesse deciso di rivolgersi sia a un pubblico adulto, sia ai bambini, “Fluttonia e i mondi sommersi” è capace di intristire, dare consapevolezza e infondere speranza. “Dobbiamo portarli a Fluttonia e mostrar loro la situazione in cui versano le acque del pianeta donandogli al contempo ‘responsabilità’ e ‘consapevolezza’. Ogni essere del creato ha una missione su questo pianeta: gli umani hanno smarrito il loro senso e, giacché crescendo invece che dispiegare le loro capacità tendono ad annullarle si sentono sempre più smarriti e soli. Dobbiamo per questo ricordare ad alcuni di loro quale ruolo svolgono negli equilibri cosmici e mostrargli cosa possono essere in grado di fare.” Questo è uno di quei libri che consiglio di leggere nelle scuole... Continua…

Registrati o Accedi per commentare.