Le figlie di Tlan

Le Figlie di Tlan appartengono ad una razza aliena che è vissuta come "ospite” del DNA Umano per molti millenni e provengono da una lontana Galassia verso la quale anelano di tornare.
Si evolveranno nella metamorfosi, perdendo le sembianze Umane per divenire uguali alle loro antenate, esseri dalla doppia identità sessuale, naturale per loro e senza alcuna indulgenza per la lascivia. Dalle sembianze di uomini e donne, si trasformano in esseri di sconvolgente bellezza che dimostrerà tutta la differenza e la distanza dalla razza ospite. Sono esseri che in milioni di anni Terrestri di evoluzione hanno acquisito facoltà superiori.
Hanno un nemico che costituisce un pericolo mortale per sé e per gli Umani che sconfiggeranno con l'aiuto di un'altra razza aliena, gli Inkliliti. Di questo nemico si sa poco e la sua conoscenza non verrà mai svelata per intero.
Il loro ultimo compito sulla Terra sarà quello di far trovare agli Umani il modo di convivere pacificamente per potersi evolvere ed essere degni di prendere il posto loro spettante nello spazio.
Prima raggiungeranno Marte, dove ritroveranno l'eredità tecnologica delle antenate e da lì faranno un balzo fino alla loro lontana galassia per ritornare a Mitlan, quarto pianeta della stella Tlan.
Nella lunga avventura delle Figlie di Tlan, il lettore scoprirà cose e sensazioni nuove. Alcuni interrogativi posti avranno risposte possibili ed apriranno il pensiero alla convivenza tra alieni, i "diversi” dello spazio e delle sue dimensioni, dove la fisica della nostra dimensione non ha senso.
Le Figlie di Tlan, con il loro essere, dimostrano che è possibile, senza ledere la moralità Umana, possedere una morale completamente diversa, aliena appunto.
Esse hanno una potente capacità telepatica con la quale tutte possono sentire tutto di tutte. La loro morale diversa è pregna d'amore che vivono in un profondo rispetto delle loro individualità. Possono sentire ma non ascoltano, non sono indiscrete, non penetrano nell'intimità dei pensieri delle altre e non si spiano.
Non hanno Leggi scritte, non hanno gerarchie, non hanno denaro né commercio e nemmeno una economia. Non bramano potere sulle altre o possesso delle cose e non conoscono gelosia ed invidia. Ciascuna di loro ha un posto naturale nella loro Comunità che deriva dal riconoscimento delle altre Figlie di Tlan; non esistono né umili, né potenti e chiunque di loro può rappresentarle tutte.
Possiedono facoltà impensabili per gli Umani che usano con estremo senso di giustizia, senza prevaricare e senza superbia; sono troppo superiori ed evolute. Si fanno amare per l'amore col quale trattano la razza che inconsapevolmente le ha avute nel suo grembo per migliaia di anni.
Esse possiedono la longevità naturale che si rinnova periodicamente ma non sono immortali e le loro facoltà, come spiegano agli Umani affinché non si sentano umiliati nel confronto, sono frutto di milioni di anni Terrestri di evoluzione e loro non ne hanno il merito.
Le Figlie di Tlan, non è soltanto un viaggio nell'avventura degno della miglior fantascienza Anglosassone ma anche la scoperta di una diversa antropologia, una diversa morale che non è immorale e nasconde in sé un'altra storia, per chi la sa riconoscere.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di CESARE SABA

A memoria di forma e di funzione

A memoria di forma e di funzione di

In una terra dilaniata dalla corruzione e dal male, dominata da violenze, soprusi e furti che accadono sotto lo sguardo complice delle istituzioni e delle forze dell’ordine, si consuma il dramma umano di una società sconfitta e satura di vizi e di un’Italia arrivata al culmine di una crisi economica e politica senza precedenti. Flavio Ricci, il protagonista del romanzo, nauseato da tanta...

I due vulcani - ( Cronaca di una catastrofe annunciata)

I due vulcani - ( Cronaca di una catastrofe annunciata) di

I due vulcani è un romanzo di fantascienza e fantapolitica ambientato nel futuro, sullo sfondo di un evento apocalittico. In questa storia si intrecciano i destini di molte persone che il lettore incontra nel tempo di sei giorni densi di pathos. Anche nell'incalzare degli eventi sempre più drammatici, emerge l'umanità dei protagonisti che sono uomini e donne come se ne possono incontrare...

Dovevano sopravvivere

Dovevano sopravvivere di

Questo romanzo di fantascienza, ambientato in un futuro decennio del ventunesimo secolo, narra le avventure e le peripezie dei sopravvissuti di una crisi nucleare nel puro stile della fantascienza classica, con quel tocco di sensibilità e originalità dovuto al retaggio della cultura latina. Come nello stile dell’autore, in questa storia ne è contenuta un’altra che il lettore dovrà scoprire da sé.

Ehliohs

Ehliohs di

Si destò dal criosonno ma rimase disteso indugiando con gli occhi chiusi. La teca che lo aveva ospitato aveva finito di svolgere tutte le sue funzioni. La voce del computer di bordo gli porse con voce suadente il buon risveglio. Aprì gli occhi ed ebbe nausea. Prima di mettersi a sedere attese che la sensazione si attenuasse. Poi si aggrappò ad una maniglia e si tirò su lentamente; dopo mesi di...