Naraka: L'inferno delle scimmie bianche (Trilogia Naraka Vol. 1)

Il Penitenziario spaziale di New Belmarsh sulla Luna, chiamato il Naraka, è un progetto pilota di detenzione aliena con finalità di controllo del crimine dilagante sulla Terra. Ma, dietro questa copertura, c'è molto altro. La sovrappopolazione, la deriva ecologica radioattiva e morale, l'indisponibilità di risorse proteiche, creano nuove esigenze, un nuovo mondo. Una nuova visione, cinica e ancestrale. Il Naraka diventa il primo allevamento di carne umana moderno e organizzato. Una reminiscenza di Naraka ben più antichi, che la storia ci ha presentato in tante culture. Neri protagonisti, come la sensuale killer Kiki Léger, vivranno sulla propria pelle l'evoluzione di questo delirio umano che è dietro l'angolo. Ambientato in un penitenziario dotato delle più avanzate tecnologie e in una Parigi marcia e distopica, il romanzo intreccia varie storie e vissuti estremi, suggerendo, tra le righe, riflessioni antropologiche, ecologiche, esistenziali. La sonda del lettore viene calata in un alveare senza fondo e continuerà il proprio viaggio nel vuoto, senza riuscire mai a toccare il fondo.


Dalla Prefazione di Alan D. Altieri
Il Naraka nel ventre nero della Luna è la prigione di massima sicurezza più agghiacciante, più bruciante, più dilaniante, (in tutti i sensi che sia mai stata concepita da mente (in) umana. Contenimento, isolamento, tormento. Ma anche molto, troppo d'altro... È attraverso questo labirinto, simultaneamente concentrico e frattale, metafisico e metastatico, che Caleb Battiago, l'inedito e inaspettato, spiazzante e lacerante Autore di "Naraka: l'Inferno delle Scimmie Bianche” - by the way, non vi sfugga la "A” maiuscola di Autore - ci guida con la pragmatica precisione di un vero e proprio Virgilio del lato oscuro. Naraka sposta l'essenza stessa della narrativa genere fanta-horror su tutto un nuovo piano concettuale, introspettivo, stilistico. Incontriamo una galleria pressoché unica di formidabili, indimenticabili dark heroes destinati a lasciare il segno in questo mondo sotterraneo da incubo senza fine: Kiki Léger, sensuale superkiller dall'etica al macero, Jorge Vallejo, famigerato "mangiatore di placente” dalla monolitica perversione, Ute Möbius, profeta della filosofia della tenebra e dispensatore di viatici meta-chimici, Sibel, erotica warden del Naraka, al tempo stesso matrigna mostruosa, amante post-vampirica e carnefice spietata. Ma quest'opera non è semplicemente un fanta-horror-thriller dell'estremo. Dalle viscere malefiche e maledette della Luna, Caleb Battiago allarga il campo alla superficie infame e infetta della Terra. Il Naraka, metaforicamente e non, estende tentacoli e artigli fino al labirinto di una Parigi distopica e macabra, emblema di una sub-società al nero sul quale incombe l'incubo peggiore di tutti: il programma sistemico terminale, nel quale l'atto del divorare finisce con l'azzannare perfino il deus-ex-machina. A tutti gli effetti, "Naraka: l'Inferno delle Scimmie Bianche” potrebbe davvero rivelarsi una nuova frontiera, non solo del fanta-horror ma della narrativa di anticipazione intesa nel senso più puro. E più oscuro.

Caleb Battiago (pseudonimo di Alessandro Manzetti) autore di narrativa horror, SF, pulp e weird, poesia dark, editor e traduttore, ha pubblicato diverse opere in Italia, Stati Uniti ed Inghilterra. Ha ricevuto la nomination al Bram Stoker Awards 2014, all'Elgin Award 2015 e al Rhysling Award 2015

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Caleb Battiago

Shanti: La Città Santa (Trilogia Naraka Vol. 2)

Shanti: La Città Santa (Trilogia Naraka Vol. 2) di

Justine e Juliette, rimaste orfane, vengono affidate alle "cure” del collegio Sainte Marie di Madame Desroches, nera matrona di Parigi Sud 5. Le due sorelle saranno affidate, o meglio, vendute, alle fauci del mondo, e inizierà a un viaggio su due binari diversi. Justine e Juliette diventeranno prede e predatrici di un mondo brutale e senza speranza, dove l'unica meta è rappresentata da Shant...