Katakombs (The Tube Nomads)

Compra su Amazon

Katakombs (The Tube Nomads)
Autore
Massimo Rainer
Editore
Delos Digital
Pubblicazione
15 aprile 2014
Categorie
ZOMBIE - Dopo la torre ponte-radio delle allucinazioni, i quattro Nomads continuano la discesa verso la Stazione 28. La minaccia degli infetti è costante e la fame e la sete si fanno sentire: Korvin, Red-Eye, Doc e Jester hanno bisogno di un rifugio. Lo troveranno nella Casa del Signore. O forse del Demonio...

Dopo "Cold Zero" (parte 1 e 2) di Alan D. Altieri e "Ghost in the machine" di Danilo Arona, ecco il terzo capitolo di The Tube Nomads, la serie spin-off di The Tube, la saga horror del momento. Lasciatisi alle spalle la stazione di sorveglianza Ecom-Con 334 e la torre ponte-radio dei fantasmi, i quattro Nomads continuano a scendere verso valle, accompagnati dalla pioggia incessante, dal timore di dover fronteggiare altri infetti, e da nuovi avversari: la fame e la sete. Il loro pellegrinaggio li porterà prima a tornare nel villaggio degli ammorbati vicino a Ecom-Con 334 e poi in un antico monastero dimenticato da Dio e dalla civiltà. Qui troveranno ad accoglierli gli "amici," uomini e donne fuori dal tempo, capeggiati dal Priore, non esattamente l'araldo più fulgido della religiosità. Ma è sotto al monastero che Korvin, Red-Eye, Doc e Jester dovranno affrontare il lato più buio del terrore...

Massimo Rainer, quarantaquattro anni, avvocato penalista, milanese, dorme tre ore a notte, si nutre quando capita, fuma forsennatamente e beve taniche di caffè; nonostante questo, è ancora vivo. Nutre da sempre la passione per l'Estremo e il Lato Oscuro, forse per conservare il senno. Presente in alcuni racconti per il Giallo Mondadori, è al suo quarto romanzo, dopo "Rosso italiano" (Barbera, 2007), "Chiamami Buio" (Todaro, 2011) e "Limite ignoto" (Mezzotints, 2013).

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Massimo Rainer

Chiamami Buio

Chiamami Buio di

Chiamami Buio non è un romanzo per tutti ma una storia adatta a lettori che amano i sapori forti. Il protagonista, un poliziotto borderline e cocainomane, si muove in una Milano abitata da personaggi che non vorremmo conoscere. Il linguaggio è crudo, lo stile spesso ironico, ma di un’ironia un po’ malata, che spaventa.A tutti coloro che cercano una lettura “rilassante”, una “bella storia”, un f...