Lo potevo fare anch'io: Perché l'arte contemporanea è davvero arte (Piccola biblioteca oscar Vol. 634)

Compra su Amazon

Lo potevo fare anch'io: Perché l'arte contemporanea è davvero arte (Piccola biblioteca oscar Vol. 634)
Autore
Francesco Bonami
Pubblicazione
07/10/2010

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Francesco Bonami

Post: L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità sociale

Post: L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità sociale di Francesco Bonami Feltrinelli Editore

Da misteriosa sconosciuta da scrutare, scoprire e svelare, l’opera d’arte è diventata uno sfondo, un panorama, un accessorio alla nostra esperienza. Se in passato potevamo pensare di condividere l’esperienza dell’artista con la nostra esperienza di spettatore, oggi i protagonisti assoluti siamo noi. L’arte è ormai un punto di riferimento come altri. È diventata una qualunque tra le tantissime ...

L'arte nel cesso: Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea

L'arte nel cesso: Da Duchamp a Cattelan, ascesa e declino dell'arte contemporanea di Francesco Bonami MONDADORI

Con l'autoironia che lo contraddistingue, Francesco Bonami, uno dei più brillanti critici d'arte internazionali, riprende il discorso avviato dieci anni fa in Lo potevo fare anch'io e ammette che, in fondo, tante opere alla cui vista restiamo sgomenti forse avremmo potute farle pure noi, e comunque, anche se le ha fatte qualcun altro prima, questo non significa affatto che si tratti di arte...

Curator: Autobiografia di un mestiere misterioso (I nodi)

Curator: Autobiografia di un mestiere misterioso (I nodi) di Francesco Bonami Marsilio

Che cosa fa un curatore d'arte? E come lo si diventa? Quali sono le qualità che gli permettono di emergere? Francesco Bonami, tra i curatori più famosi al mondo, disegna in questo libro il percorso di una carriera. Che non è proprio come si potrebbe immaginare. Fu la mamma a informarlo nel 2003 che era diventato direttore della Biennale di Venezia. E una volta dovette addirittura inventarsi di ...