Il Senatore Bellosguardo

Filippo svolge un lavoro particolare: sgombera le case dei defunti, gettando via le cose che erano soliti usare o anche solo accarezzare con gli occhi, ed eliminando quelle dare così loro la morte definitiva.
Ed è ciò che è chiamato a fare anche per il senatore Benito Stefanelli, deceduto da poco.
Fra mobili antichi e classici souvenir, Filippo trova però qualcosa di inaspettato: un manoscritto.
Un giallo, per l'esattezza. La storia è ambientata nel 1961 a Monte Capretta, un piccolo paese vicino Roma.
Il paesino viene sconvolto quell'anno dalla morte della bella e ricca Doralice, suicidatasi a casa sua durante una cena con ospiti.
Suo marito Euro, però, non è convinto che si sia trattato di suicidio, e organizza una nuova cena, esattamente un anno dopo la morte di Doralice e con gli stessi invitati di allora, per costringere il colpevole ad uscire allo scoperto.
Chi potrà essere stato? Onorina, la dirimpettaia innamorata di Euro, e desiderosa di divenirne la consorte?
Angelo Bellosguardo, l'ambizioso sindaco di paese che aveva una relazione clandestina con Doralice?
O Antonio, una vecchia fiamma della defunta, che le doveva un'importante somma?
O, ancora, la sorella Agata, che alla sua morte erediterà una fortuna?

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Elisa Santucci

“Il Senatore Bellosguardo”, di Gianfranco SassuElisa Santucci

Un romanzo giallo che potrebbe attrarre i lettori di questo genere, sebbene la produzione in tal senso sia sovrabbondante. Continua…

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Gianfranco Sassu

Ernest & Bill

Ernest & Bill di Gianfranco Sassu

La storia di un manoscritto che non piaceva nemmeno al suo autore. Alcuni personaggi del libro sono reali, altri sono puramente di fantasia. La storia è totalmente inventata dall'autore e non ha riscontri con quanto accaduto realmente ai protagonisti del romanzo. "Ernest rilesse il suo manoscritto e imprecò. Non stava in piedi, non reggeva, non aveva mordente, era il resoconto di un ...