La Barrantana

Mentre ispeziona la soffitta della casa della nonna deceduta a Striera, Gianluca apre un cassetto di una vecchia credenza e vi trova, sorprendentemente, un manoscritto dove vengono narrate le vicende di alcune streghe che hanno vissuto in quella piccola frazione di Albisola nel 1700.
La Barrantana era fra le sorelle la più bella e la più intelligente, abile guaritrice mal sopportava di essere considerata una strega, buona per una sveltina o le volte che bisognava farsi curare i malanni del corpo o della mente quando erano insopportabili. Per questa ragione, ma non solo, l'odio l'ha trasformata in una vera strega, lamia maledetta e vendicativa dal cui empio ventre sono nati i temibili basilischi, progenie crudele e ambiziosa dal sangue velenoso. Questa storia si intreccia con gli avvenimenti che sono avvenuti in Liguria in quegli anni: l'invasione e la conquista di Genova da parte dell'esercito austro-piemontese, le battaglie nell'entroterra savonese durante la campagna Napoleonica e le scorribande dei pirati.
Alla fine del libro la nonna di Gianluca confida al nipote un segreto. Una terribile confessione e nel contempo una dichiarazione d'amore.

Mirko Micheletti Commento dell'autore

Potete trovare una breve intervista che mi hanno fatto i tipi della stamberga d'inchiostro nel link qui sotto.

https://stambergadinchiostro.altervista.org/the-whispering-room-la-barrantana-di-mirko-micheletti/

Ho anche creato un piccola pagina facebook dedicata al libro dove svelo alcuni retroscena, come se fossero delle specie di dietro alle quinte. Se siete interessati potete dare un'occhiata al link che segue:

La Barrantana | Facebook

 

 

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli