LAVORO TEMPO SILENZIO: Poesie semiautomatiche

Compra su Amazon

LAVORO TEMPO SILENZIO: Poesie semiautomatiche
Autore
Ottorino Garau Ottorino Garau
Pubblicazione
07/05/2020
Categorie
Poesie (con immagini)
https://www.amazon.it/LAVORO-TEMPO-SILENZIO-Poesie-semiautomatiche-ebook/dp/B088C17F2R?asin=B088C17F2R&revisionId=8937c7da&format=1&depth=1

Sintesi pubblicata sul web http://www.paceguerra.it/lavorotemposilenzio/

Ottorino Garau Commento dell'autore

Ho sempre in mente due versi contrapposti idealmente.

Da una parte Baudelaire uno dei cosidetti maledetti

Ma a che importa l'eternità della dannazione a chi ha provato, in un secondo, l'infinito della gioia?

Dall’altra Eluard, il più romantico dei surrealisti

Invecchiare è disporre la propria giovinezza lungo gli anni.

Posto che non so e non voglio sapere quale delle due filosofie condividere, ambedue sono comprese in una sfera in cui il tempo è nostro padrone e con lui dobbiamo negoziare la maggior parte delle nostre attività. I cronometri ci condizionano, è con il tempo che dobbiamo negoziare il nostro presente e quel che resta del nostro futuro non ancora programmato.

La mia generazione, nell’area geografica cui appartiene,  è stata formata con il terrore di non appartenere al mondo del lavoro, il terrore di non poter far fronte ai bisogni quotidiani; conseguentemente  Il tempo è asservito al “lavoro” o meglio alla macchina diabolica ormai governata da un algoritmo creato da un qualche consiglio di amministrazione e/o da un consiglio di investitori allo scopo di assumere ogni decisione possibile per tutelare in tutte le situazioni il maggior profitto. Al resto pensa lo stato sociale, quando esiste.

In ogni caso spesso succede che il lavoro da mezzo per la sopravvivenza diventa unico scopo della vita intesa come vita cristiana della croce, del peso del peccato originale e non so di cos’altro. In questa ottica si potrebbe fantasticare macabramente intorno alle morti sul lavoro che continuano imperterrite in ogni angolo della terra. Il lavoro occupa “la vita” e i rumori delle città mercato ne accompagnano il ritmo; è vietato praticare il silenzio salvo apparire contaminati da una sorta di malattia da cui non si guarisce…

Il sogno sarebbe quello di sincronizzare gli orologi con  gli esseri umani; tanti orologi personalizzati con altrettanti esseri umani. Quindi tanti esseri umani liberi da schiavitù classiche e moderne. Tanti esseri umani che possono comunicare anche in silenzio ….

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Ottorino Garau

QUEL 26 DI MAGGIO: poesie semiautomatiche

QUEL 26 DI MAGGIO: poesie semiautomatiche di Ottorino Garau Ottorino Garau

Poesie https://www.amazon.com/QUEL-26-MAGGIO-semiautomatiche-Italian-ebook/dp/B00LYCW9P2?asin=B00LYCW9P2&revisionId=&format=2&depth=1 sintesi pubblicata sul web: http://www.paceguerra.it/quel26/

INTERRUZIONI (Poesia nel cassetto)

INTERRUZIONI (Poesia nel cassetto) di Ottorino Garau Ottorino Garau

poesie italiane