Il senso delle cose: A volte la realtà è quella che sembra

Fu durante l'ora di italiano, in un caldo mattino di inizio maggio, quando la libertà è giusto qualche metro oltre il vetro sporco dell'aula, che accadde la "cosa”.

Marco Quarantini, il protagonista, è un ragazzo che frequenta la quinta superiore in un Istituto professionale in una piccola città di provincia. Conduce una vita sociale attiva come allenatore di una squadra di basket, va bene a scuola ed è cresciuto in una famiglia come tante. Marco ha però un "problema”: è un osservatore critico che non vuole piegarsi al conformismo. Questa sua lucidità e razionalità lo portano a vivere una profonda solitudine in una destinazione ostinata e contraria che lo invade e gli capovolge il senso delle cose. La scuola e la famiglia sono proprio gli spazi nei quali incontra il mostro, il demone. Tra incubi notturni e vita quotidiana piena di capovolgimenti Marco vive la sua lontananza comunicativa, emotiva dalla sua famiglia, dalla sua ragazza Carla, dall'amico di "aderenza” Luigi e dai professori. Chi è il mostro? Dove si nasconde? Quale sarà per Marco "il senso delle cose"?

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di gian piero taricco

Lettere dal passato: nel passato cercavano un futuro migliore

Lettere dal passato: nel passato cercavano un futuro migliore di

Italia 2062: in una Roma allucinata e distopica, dominata dalla tecnologia e dall'abbandono, quattro allievi dell'Istituto Polidisciplinare di Stato "Progresso”, violando consegne e ferrei divieti, compiono ingenuamente una scoperta di cui non immaginano la portata: da semplici strumenti manuali è possibile trarre dei segni e con essi formare delle lettere e poi delle parole fino a comporre a...