Preparare un fuoco

Nel profondo Nord, a sessanta gradi sotto zero, per sopravvivere un uomo deve saper preparare un fuoco. E quando ci sono sessanta gradi sotto zero, un uomo non può permettersi di fallire e far spegnere il fuoco, nemmeno al primo tentativo. E se il fuoco si spegne, un uomo ha solo pochi minuti per rimediare. Nel profondo Nord, a sessanta gradi sotto zero, non si sfida la natura. O le conseguenze saranno rapide e definitive. Tratto da "Il richiamo della foresta", pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri: 39.604

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Jack London

Il richiamo della foresta

Il richiamo della foresta di

Questo è uno dei grandi libri per ragazzi che tutti, ragazzi e adulti, dovrebbero leggere almeno una volta nella vita. È la storia avvincente di Buck, un grosso cane del Sud che si trova a vivere un’epica avventura nel grande Nord, in Alaska, durante la mitica corsa all’oro. Quella corsa di cui ci ha raccontato anche Charlie Chaplin. Così il nostro Buck passa dagli agi della vita e dalla gentil...

Il tallone di ferro

Il tallone di ferro di

California, anno 419 della Fratellanza dell'Uomo, XXVI secolo dell'era volgare.Lo storico Anthony Meredith ritrova nascosto nel tronco di una quercia il Manoscritto che Avis, moglie e compagna del rivoluzionario Ernest Everhard, ha lasciato incompiuto nel 1932, prima di essere giustiziata dai Mercenari dell'Oligarchia. Nelle pagine scrupolosamente annotate da Meredith si narrano «gli anni turbo...

Corrispondenze di guerra (Le Sfingi)

Corrispondenze di guerra (Le Sfingi) di

Il 7 gennaio del 1904 Jack London si imbarca sul piroscafo Siberia alla volta della Corea, per seguire come corrispondente del “San Francisco Examiner” il conflitto tra Russia e Giappone. Per London, che ha appena raggiunto una certa fama come scrittore di avventura e di romanzi a sfondo sociale grazie a capolavori come Il richiamo della foresta e Il popolo degli abissi è giunto il momento di ...

Raggio d'oro. Pagine di vita

Raggio d'oro. Pagine di vita di

Lon McFane doveva essere un pochino di cattivo umore, forse perchè aveva perduto la sua borsa di tabacco; altrimenti mi avrebbe almeno accennato a quella capanna del Lago Sorpresa, prima che ci arrivassimo. Tutto il giorno, gira e rigira, noi ci eravamo dati il cambio davanti alla slitta per aprire un varco ai cani; un lavoro pesante, con quei sandali da neve, e che non contribuiva certo a rend...

Micaèle fratello di Jerry cane da circo

Micaèle fratello di Jerry cane da circo di

Micaèle avrebbe dovuto lasciare Tulagi, per andare come cane da negrieri sull'Eugenia. Ma ecco come ciò non avvenne. La sera stessa del ritardato arrivo del «Makambo», il capitano Kellar dimenticava Micaèle sulla spiaggia. Cosa di poca importanza, perchè a mezzanotte il capitano sarebbe ritornato a terra e avrebbe salito l'alto colle per recarsi a salutare il Commissario delle Isole nel suo bun...

Zanna bianca

Zanna bianca di

In Zanna Bianca, uno dei più famosi romanzi di Jack London, sono le sterminate distese di neve, disseminate da fiumi gelati, e le cupe e solitarie foreste attorno agli accampamenti, dove solo l’ululare dellebestie selvagge rompe il pesante silenzio, a fare da sfondo alle avventure di un giovane cane lupo.Qui, la vita non può essere per lui altro, se non una perenne lotta contro la fame, una bat...