IDOLI E CARNEFICI

Tra suspence e ironia un'eccentrica storia gotica, ambientata nella Torino liberty del 1912, protoindustriale e modernista, floreale e demoniaca, decadente e sensuale.

La giovanissima medium Erina, figlia di un attore in bolletta, che cerca di sbarcare il lunario improvvisando patetici spettacoli di illusionismo, viene chiesta in sposa dal cupo ed enigmatico dottor Barbi (nomen omen), chirurgo, necroscopo e ipnotista, che vuole condurre liberamente su di lei i suoi esperimenti di metapsichica. Il villino in cui egli la porta a vivere, sul limitare del Valentino a Torino, neogotico e sinistro, assume per la protagonista i lividi contorni di un incubo, tra spose defunte, una nana mostruosa che si annida nelle cucine del sotterraneo e un maggiordomo che sembra rassicurante, ma forse con è come pare. Entrambi i domestici si dicono depositari dei segreti della casa e del suo sfuggente proprietario, dandone a Erina opposte versioni.
Persa nell'incanto malioso e maligno di allucinati colloqui con le ombre, macabre apparizioni e inquietanti sedute spiritiche, la fragile e suggestionabile ragazza si convince di rivivere la favola nera di Barbablu. Ma la verità che le si svelerà alla fine sarà molto diversa, per quanto non meno terribile.
Della stessa autrice, Elisabetta Chicco Vitzizzai, negli ebook Amazon è già apparso Eros in bicicletta .

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Elisabetta Chicco Vitzizzai

Gli ossibuchi di Nietzsche

Gli ossibuchi di Nietzsche di

I due soggiorni torinesi nella primavera del 1888 e nell'autunno-inverno 1888-89 furono per Nietzsche tempi felici di intensa creatività. Torino gli apparve " magnifica e singolarmente benefica", non ultimo per la sua cucina, come testimoniano le lettere scritte ad amici e parenti. "Il problema dell'alimentazione" costituisce un capitolo importante dell'autobiografia che Nietzsche scrisse a To...

EROS IN BICICLETTA

EROS IN BICICLETTA di

Nella Torino alle soglie della modernità una storia d'amore e di emancipazione femminile, dove la bicicletta è simbolo e mezzo di libertà e piacere per la giovane protagonista. Una fedele ricostruzione storica ricca di ironia e umorismo.