SIRACVSA

Compra su Amazon

SIRACVSA
Autore
Andrea Venturo
Pubblicazione
27 settembre 2013
Categorie
Prefazione

Cosa sarebbe accaduto se Archimede, lo scienziato siracusano vissuto nel terzo secolo avanti Cristo, non fosse mai stato ucciso durante la caduta di Siracusa?
Lo storico Livio ci narra che i soldati avevano ricevuto l'ordine di risparmiare lo scienziato, ma i rozzi fanti romani non avevano le idee molto chiare su quale aspetto avesse un uomo di scienza. Di lui sapevano solo che era stato capace di gesta degne di un dio come sollevare e affondare navi, colpire incredibilmente lontano e incendiare oggetti a distanza. Di certo non si aspettavano un innocuo vecchietto tutto intento a scrivere qualcosa di incomprensibile.
Tant'è che quando lo trovarono ebbero anche la presenza di spirito di chiedergli: "sei tu Archimede?" prima di ucciderlo perché come schiavo non sarebbe stato molto utile, vecchio com'era.
Eppure sarebbe stato tanto facile per Archimede rispondere "Si, sono io", o anche solo "Si"...
L'idea è che avesse avuto una intuizione talmente sconvolgente da renderlo temporaneamente incapace di parlare.
Quale sia stata questa intuizione? E' proprio quello che scoprirai leggendo il mio racconto.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Andrea Venturo

I razziatori di Etsiqaar (Spade e Incantesimi Vol. 2)

I razziatori di Etsiqaar (Spade e Incantesimi Vol. 2) di

Conrad Musìn ha finalmente l'occasione di viaggiare insieme a suo padre verso l'altopiano di Etsiqaar, dove ogni anno si procura i cavalli che gli serviranno per i suoi commerci. Si tratta di un viaggio di routine, tranquillo e noioso o almeno questo è quello che pensa Dorian. L'imprevisto tuttavia è dietro l'angolo ed il voler essere troppo protettivi verso coloro che amiamo... ha l'effetto di...

Il Torto della Torta (Spade e Incantesimi Vol. 1)

Il Torto della Torta (Spade e Incantesimi Vol. 1) di

Un'accusa infamante è un'accusa infamante, non importa se riguarda un crimine odioso o la scomparsa di una torta. Dimostrare la propria innocenza tuttavia può rivelarsi straordinariamente letale se invece di vivere nella propria, confortevole dimora ci si trova in una fattoria in mezzo alle colline di Adenar, nella valle di Levot. E' un racconto breve, ma spero intenso: buona lettura.