Cercando Caterina

Questo breve romanzo va letto in chiave simbolica. L'ho scritto in maniera sensoriale, affidandomi all'ascolto epidermico di una condizione umana a mio avviso molto più profonda di quanto sembri.La solitudine è uno stato dell'io che non ha necessariamente a che fare soltanto con il disagio economico, con la povertà, perché comprende un vuoto oscuro che va oltre la precarietà di vita. Siamo tutti in parte emarginati, non del tutto sentiti, non del tutto amati. L'assenza di pathos è il vero dolore che alberga nel cuore di tutti.
Caterina è una bambola cercata ossessivamente dalla protagonista del romanzo. Una ricerca che non l'abbandonerà mai. Caterina, il nome della bambola , rappresenta l'infanzia perduta, l'innocenza, il calore.
E' la bambola di tutti gli uomini, la bambola che ognuno di noi ha perduto.
C'è chi ha perfino dimenticato questa perdita e non sarà neanche in grado di desiderarla , di ricordarla.
Ma chi cerca Caterina cerca inconsciamente di abbattere il muro dell'emarginazione, dell'indifferenza, della diffidenza, dell'ignoranza spirituale. Come la protagonista del romanzo, non bisogna mai smettere di cercarla. A Lucia, la protagonista del libro, questa ricerca è costata la vita, che è il rifiuto psicologico, l'isolamento, la follia, l'incomprensione, l'intolleranza, non ultimo la morte.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Eleonora Giovannini

Dimenzione Zeta

Dimenzione Zeta di

“Una sfida contro l’assenza dei valori umani,una delicata ed inquietante storia d’amore che trova "rifugio ed approdo"in una dimensione dove l’avvicendarsi dei sentimenti e delle emozionisembra annullare la linea discriminante tra fantasia e realtà... Vittorio Tolino”La vita in un viaggio, un viaggio interno, un viaggio mentale, un viaggio dei sensi, un viaggio oscuro, sognante, un viaggio corp...

Io e Alda Merini: Quello che nessuno sa

Io e Alda Merini: Quello che nessuno sa di

Da tempo leggevo di lei, del suo manicomio che sapeva di rose. Guardavo i suoi volti dipinti, fermati mirabilmente in quella sua espressione consapevolmente folle, follemente saggia e fuori dal mondo crudelle di tutti.Quello era lo sguardo che amavo, con la sigaretta in mano, la collana di perle e il seno nudo, perché era evidente dalla sua espressione colta in quello scatto inusuale, che per l...