Il Dominatore di Anime - La prigione degli Dei

Quando giunsi a conoscenza della verità, ovvero che Ràskel agiva per poter liberare l'arcidemone Vor'Ja dalle sue millenarie catene, il mio timore venne sopraffatto dal desiderio di apprendere, di conoscere, di imparare da quel potente maestro che, comunque vada, Ràskel è. Nemmeno le evocazioni dei demoni inferiori o l'utilizzo della magia infernale mi convinsero che ciò che stavamo facendo era sbagliato.
Se solo avessi avuto il buon senso di giungere prima a questa conclusione, forse adesso non mi ritroverei in questa stiva puzzolente, nascondendomi dall'equipaggio da clandestino, viaggiando verso Menetheon e pregando che Ràskel non mi trovi. Sicuramente avrà già saputo della mia fuga e il marchio che porto sulla mano destra gli concede potere assoluto su di me; so bene qual è la pena per le mie azioni ma, comunque, non posso permettere che tutto questo accada. Non posso!
La ricerca della conoscenza assoluta, il mio obiettivo finale, mi ha mostrato qualcosa che nessun essere umano dovrebbe mai vedere; Ràskel ha evocato un demone superiore e, per farlo, ha sacrificato un confratello a sangue freddo, lo ha gettato in un portale per gli Inferi come se si trattasse di un sasso o di una bottiglia rotta.
Scrivendo queste parole mi rendo conto di esser stato miope. Anzi, completamente cieco. Come diavolo ho fatto a non accorgermi che tutto quello che stavamo facendo in quell'antro a Samarra era mirato alla distruzione completa e totale di questo mondo? Spero soltanto che, una volta sbarcato, io riesca a trovare qualcuno in grado di aiutarmi; Ràskel deve essere fermato. Per nessun motivo la cella di Vor'Ja dovrà mai essere aperta.

21 Marzo 4847
Riflessioni sul Mare di Samarra
Daron Sàthe

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo