La principessa e il folletto

"C'era una volta una piccola principessa il cui padre era re di un grande paese pieno di montagne e vallate. Il suo castello sorgeva su una di queste montagne, ed era grandissimo e bello. La principessa, che si chiamava Irene, era nata lì, ma, appena nata, visto che la madre non era abbastanza forte, fu mandata a essere cresciuta tra gente di campagna in una grande casa, metà castello, metà casolare, sulle pendici di un'altra montagna, circa a metà strada tra la base e la vetta.La principessa era una creaturina molto dolce, e all'inizio della mia storia aveva circa otto anni, ma era cresciuta in fretta. Aveva il viso chiaro e bello, con due occhi come pezzettini di cielo notturno, ognuno con una stella disciolta nel blu. Quegli occhi si può ben credere che sapessero che venivano da lì, così tante volte si sono fermati a guardare in quella direzione. Il soffitto della sua stanzetta era blu, tempestato di stelle, come il cielo qui voleva somigliare. Ma dubito che lei avesse mai visto il cielo reale con le sue stelle, per il motivo di cui vi parlerò..."

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di George Macdonald

George macdonald  lilith   - SAGGIO INTRODUTTIVO TRADUZIONE E NOTE Di GIUSEPPE CHIA

George macdonald lilith - SAGGIO INTRODUTTIVO TRADUZIONE E NOTE Di GIUSEPPE CHIA di

George MacDonald (1824-1905) nella sua multiforme opera ha unito insieme la narrativa delle piccole cose quotidiane e la forza visionaria del Romanticismo tedesco di Novalis, il misticismo d'impronta biblica e cristiano-protestante e un'apertura mentale prossima al panteismo. Nella letteratura inglese è il visionario per eccellenza, caposcuola del genere fantasy che sarà poi ripreso da Tolkien ...