Atlante degli abiti smessi (I coralli)

Eleonora è una donna eccentrica con un modo tutto suo di guardare il mondo. Ma è anche una donna impetuosa. E ora che l'ex marito è scomparso, il rapporto con la figlia Corinne si è strappato, «come un lenzuolo che ha subito troppi lavaggi, vestito troppi letti». È anche per questo che Eleonora lascia Firenze e si rifugia a Parigi, in cerca di solitudine e di chiarezza, perché certe fughe «non si organizzano, si subiscono e al massimo cerchi di perfezionarle». Da lí, osserva il parco sotto casa e le abitudini bizzarre degli inquilini del suo palazzo - un «ottimo esercizio di equa e diffusa compassione» - e tesse nuove trame. Ma soprattutto scrive a Corinne, per ricucire il loro rapporto. Un giorno dopo l'altro compila un campionario sfavillante degli abiti lasciati nella casa di Firenze. Una sorta di vademecum per orientarsi fra il silenzio ostinato degli armadi e il frastuono dell'umanità. Il catalogo animato di Eleonora diventa cosí un modo di trasmettere l'esperienza del tutto singolare, «fuori dalle ante». Un vortice di parole febbrili, inventive, con una forza espressiva inesausta, che ci trascina senza sosta, lasciandoci alla fine la sensazione di avere vissuto una storia che ci riguarda molto da vicino.

***

«Vestiti che vogliono brillare, come le bombe».

«Vestiti che hai paura a rimettere, perché quel giorno sei stata cosí felice».

«Le vite non vogliono essere risparmiate. Ogni cosa, ogni corpo, non chiede che questo, sgualcirsi, logorarsi, cadere e ferirsi, sporcarsi e cicatrizzare, urtare, sanguinare, ricucire».

«Vestiti elfi. Che non trovi in nessun posto quando li cerchi. Ma poi rispuntano beffardi come niente fosse, in bella vista, proprio là, esattamente dove prima non c'erano. Inutile spostare grucce e rovistare, in questi casi, meglio non accanirsi, tanto ritornano. Tu devi far finta di nulla. Tieni gli occhi chiusi, se senti un fruscio mentre dormi. Devi stare al gioco se vuoi la pace nel tuo armadio».

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Atlante degli abiti smessi | Elvira SeminaraRecensioniLibri.org

L’abilità di Elvira Seminara viene fuori sin dalle prime righe e ne costituisce il punto forte del romanzo. Si rimane come incantati dalla complessità di certe similitudini. Il finale però tende a deludere le aspettative. Il climax abilmente costruito raggiunge il suo apice e si sfilaccia, risolto troppo velocemente nelle ultime pagine. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Elvira Seminara

L'indecenza

L'indecenza di

“Un noir intimo, tessuto di sensualità e grazia.”Silvana Mazzocchi, La RepubblicaUna donna rimane prigioniera del dolore per il suo bambino mai nato e il marito non riesce a dissolvere la rabbia e la sofferenza che consumano un amore ormai alla fine. Tra loro Ludmila, ucraina. Giunge in Sicilia, non è abile nei lavori domestici, non sa fare nulla, ma è sufficiente che appaia con la sua svagata ...

La penultima fine del mondo

La penultima fine del mondo di

In un piccolo paese dell’isola la gente comincia a morire, lanciandosi da balconi e scarpate: nessuno ha un motivo apparente, ma tutti un vago sorriso. I casi ormai non si contano e la stampa internazionale si riversa nella cittadina per documentare gli eventi. Quando, nel timore di un’epidemia planetaria, si spegnerà il faro dell’attenzione, gli abitanti resteranno soli e smemorati a sprofonda...