Il Premio Nobel

Uno scrittore famoso e molto controverso scopre che un vecchio amico, che in gioventù apparteneva al suo stesso gruppo di scrittori della città di Irxal, è ricoverato in un ospedale psichiatrico.


La sua malattia è bizzarra e sconosciuta ai dottori: ogni giorno assume le vesti di un personaggio dei libri che ha scritto.


Queste trasformazioni diventano un'ossessione per il protagonista che ogni giorno si reca in visita all'amico a cui, in un finale sorprendente, verrà conferito il Premio Nobel.


"La scrittura e la follia non sono mai troppo lontani, e alcuni fra i più grandi scrittori sono stati personaggi dal carattere difficile che agivano secondo una logica non troppo lineare." Javier Perez.


Con questo libro, Mois Benarroch ci costringe ad immedesimarci con senso dell'umorismo, ironia e satira nei vaneggiamenti di uno scrittore che si è fatto ricoverare in un ospedale psichiatrico e di uno dei suoi amici, che tenta di decifrarne la follia.


Il libro affronta anche i temi del desiderio di voler scrivere senza dover soddisfare i gusti del pubblico o le richieste delle case editrici e la gelosia fra scrittori che si mentono l'un l'altro sulle pubblicazioni, sui contratti e il numero di copie vendute.


Benarroch si diverte raccontandoci storie di pazienti molto originali, alieni che vogliono fare sesso, mogli che credono che la letteratura non sia una professione ma un pretesto per sfuggire alla realtà, e vari personaggi, alcuni reali, alcuni fittizi, che recitano il loro ruolo e spariscono al momento opportuno.


Il libro è una piacevole lettura ma è anche una denuncia, mascherata da un'ironia mordace, di una verità troppo dura per essere svelata in maniera diretta.


Con questo libro, il poeta israeliano pluripremiato, ci presenta il suo primo romanzo in inglese. Le sue opere poetiche sono state pubblicate in varie antologie ma il grande pubblico deve ancora scoprire i suoi romanzi, alcuni dei quali

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Mois Benarroch

Gli insegnamenti di Baraka

Gli insegnamenti di Baraka di

Il celebre poema di Mois Benarroch, in italiano.Salutato come uno dei massimi poeti israeliani, le poesie di Benarroch sono state pubblicate in una dozzina di lingue, comprese l’urdu e il cinese. Julia Uceda ritiene che nella sua poesia Benarroch abbia in mano la memoria del mondo, mentre José Luis Garcia Martin pensa che i suoi poemi siano più che poesia, sono un documento. Testimone del suo t...

10 poesie

10 poesie di

Una selezione di 10 poesie  del poeta israeliano Mois Benarroch, che include la famosa poesia "Horses" .  

L'espulso

L'espulso di

Alla stazione centrale degli autobus, l’espulso incontra una donna identica a sua moglie, ma di trent’anni più giovane, che si rivelerà essere la stessa donna. Una relazione che non è semplicemente un adulterio, ma qualcosa di più.All’interno di un autobus sequestrato da terroristi si creano due caste: una superiore (quella degli “avanzati”) e una inferiore e sottomessa, quella degli “arretrati...

Portami al mare

Portami al mare di

Acclamato come uno dei principali poeti israeliani, la poesia di Mois Benarroch è stata pubblicata in decine di lingue, tra cui urdu e cinese. Julia Uceda ritiene Benarroch il detentore della memoria del mondo con la sua poesia, mentre Jose Luis Garcia Martin pensa che i suoi componimenti siano al di là della poesia, un vero e proprio documento.

Andaluso a Gerusalemme

Andaluso a Gerusalemme di

Viaggio pieno di umorismo di uno scrittore spagnolo per le strade di GerusalemmeUno scrittore di Madrid, nato a Lucena, arriva a un festival di scrittori a Gerusalemme, attraverso un libro tradotto anche in ebraico. È uno degli unici due stranieri non ebrei che arrivano alla fiera. Il narratore segue i suoi libri e i suoi scritti con stupore, i suoi amici criticano il viaggio in Israele. A Geru...

Il Lamento dell'immigrato

Il Lamento dell'immigrato di

"Il lamento dell’immigrato" è stato pubblicato per la prima volta nel 1994 in ebraico. La poesia di Benarroch è stata tradotta in una dozzina di lingue, incluse l’urdu e il cinese. Julia Uceda considera la sua poesia detentrice della memoria del mondo, mentre Jose Luis Garcia Martin ritiene che i suoi versi vadano ben oltre la poesia e che siano dei veri e propri documenti. “"Se dovessi sceglie...