L'acuto in controcanto

Narrativa contemporanea. Romanzo. Prefazione: Leggendo le primissime pagine di questo libro si potrebbe pensare di essersi imbattuti in una storia brillante, che narra del successo e dei sogni realizzati di una giovane donna bella e con un grande talento artistico; invece vi troverete di fronte ad un personaggio tormentato, non di rado alle prese con i propri conflitti interiori.

Sybilla è una ragazza di umili origini, una figlia della working class che possiede un dono straordinario: una voce meravigliosa da soprano, capace di deliziare e rapire chiunque l'ascolti. Ancor giovanissima per quella carriera, approda alle vette del successo grazie ad un'audizione tenuta da uno dei direttore d'orchestra più celebri del mondo, impegnato a scoprire nuovi talenti. A questo punto ella si ritroverà proiettata in un mondo che non le appartiene, costretta a scoprire e a confrontarsi con l'ipocrisia, il disprezzo verso le classi popolari e la sete di predominio che caratterizza la cosiddetta alta società. I valori etici in cui crede e con i quali è stata cresciuta le ribolliranno nelle vene, facendola rivoltare contro le ingiustizie e la totale mancanza di umana sensibilità che sovrastano quei salotti scintillanti. Ecco dunque Sybilla porsi di fronte ad una dicotomia dilaniante, che rischia di avvelenarle la gioia del cantare davanti a tanta gente, calcando i palcoscenici più importanti del mondo.

"Non posso unirmi ad un simile coro: non seguirò la loro perversa melodia, sarò in perenne dissonanza, lancerò ad ogni occasione un acuto in controcanto". Questa dichiarazione riassume il modo di sentire di un cuore indomito, in lotta contro una situazione di fatto avvertita come inaccettabile, una dimensione in cui Sybilla si trova scagliata a causa di un profondo e inestirpabile amore per l'arte. Come affronterà le tante contraddizioni? Una serie di dubbi e di aporie le si presenteranno innanzi giorno dopo giorno. Dovrà infine sacrificare una parte di sé, costretta a scegliere tra la fedeltà alla propria anima e la gloria del palcoscenico? Tra l'Etica e l'Arte? Non è facile per nessuno dibattersi in una tale ragnatela di interrogativi, senza riuscire ad intravvedere una via d'uscita. A meno che un sentimento più forte non risulti vincitore di ogni guerra...

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo