Napoli Ferrovia

Caracas ha cinquantacinque anni, è nato in Venezuela ed è il re della zona della stazione. Ha il cranio rasato e le idee razziste di un naziskin, si sta convertendo all’islam, detesta i ricchi, gli americani e i comunisti, ma appena può aiuta gli sconfitti, i senzaniente. L’io narrante è un giornalista quasi ottantenne, tornato a Napoli dopo moltissimi anni. Ritrova Caracas, vecchio amico di una vita fa, e insieme percorrono il cuore più inospitale della città. I loro giri notturni sono un viaggio a ritroso nel tempo – gli anni quaranta e cinquanta, ma anche l’epoca dei nonni e bisnonni – e l’occasione per raccontarsi. Caracas rivive la sua disperata storia d’amore con Rosa La Rosa, irreparabilmente inquinata dall’eroina. Il narratore ripensa all’epoca in cui grandi giornalisti e scrittori avevano tentato di salvare l’anima di Napoli. Finché una rivelazione li separa per sempre.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Ermanno Rea

Nostalgia

Nostalgia di

Felice Lasco torna a Napoli, nel rione Sanità, dopo quarantacinque anni trascorsi fra Medio Oriente e Africa. La madre sta morendo e lui la accudisce fino all’ultimo con tardiva ma amorosa pazienza. Poi, invece di tornare al Cairo dove lo aspetta l’amata compagna, Felice sembra obbedire al richiamo delle radici e di un destino, e rimane. Rimane perché in attesa dell’incontro fatale con Oreste,...

Il Po si racconta: Uomini, donne, paesi, città di una Padania sconosciuta

Il Po si racconta: Uomini, donne, paesi, città di una Padania sconosciuta di

Ermanno Rea percorre in auto 650 chilometri sull’argine maestro del Po: da un lato il fiume, dall’altro la Valle padana, la Food Valley d’Italia. Viaggio che diventa occasione per un’inchiesta sull’economia di questa terra, sulle sue città, ma anche una scoperta di grandi scenari naturali insospettabili in un’area così densamente popolata. Gli abitanti conoscono sì il loro tratto d’argine, ma...

Fuochi fiammanti a un'hora di notte

Fuochi fiammanti a un'hora di notte di

In un’isola, la “Piccola isola”, che da tempo non accende più i fuochi fiammanti per trasmettere i suoi segnali d’allarme per l’arrivo dei pirati, un giorno approda Martino, in cerca della madre scomparsa. Difficoltà e delusioni non fermano Martino, che continua a investigare, attratto anche dalla misteriosa bellezza lavica del luogo. Ed è qui che il protagonista incontra di continuo personaggi...

Il caso Piegari: Attualità di una vecchia sconfitta

Il caso Piegari: Attualità di una vecchia sconfitta di

L'atroce destino di un giovane geniale, reso folle da quel comunismo napoletano che lo aveva condannato senza appello. Il “caso Piegari” è ancora in piedi. Ha ancora molto da insegnarci.

Mistero napoletano (Universale economica)

Mistero napoletano (Universale economica) di

Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si...

La parola del padre

La parola del padre di

L'Inquisitore accusa Caravaggio: di non ubbidire a Santa romana Chiesa, di essere un ribelle, un seguace dell'eretico Giordano Bruno, di dipingere prostitute, ubriaconi e tavernieri nella convinzione che Dio va cercato proprio lì. È un monologo in cui le parole e le espressioni del pittore si raccontano attraverso gli occhi e la voce dell'Inquisitore. Il quale è un uomo a un passo dalla morte:...