Lo specchio nero

Svegliarsi nel cuore della notte in una stanza mai vista prima, accanto a una sconosciuta nuda, senza ricordare niente delle ore precedenti… Può succedere, quando hai bevuto un po’ troppo. Se però la ragazza è morta e la stanza è chiusa a chiave dall’interno, la faccenda si fa preoccupante. E non migliora quando scopri che i cadaveri, in realtà, sono due. È così che Walter Pioggia, scrittore e direttore editoriale di una piccola casa editrice bolognese, si ritrova protagonista di un vero e proprio giallo della camera chiusa in cui, a quanto pare, gli è toccato il ruolo dell’assassino. Ma lui non ha ucciso nessuno. O sì? In una settimana che rischia di portarlo alla follia, Walter è costretto a inseguire le tracce di ben due delitti: il misterioso omicidio di via della Luna e un altro caso, mai davvero risolto, tornato a perseguitarlo dal passato. Minacciando di distruggere il suo presente proprio ora che finalmente tutto sembra andare per il meglio.
Una chiave misteriosa, una donna contesa, una villa maledetta, due ragazzi perduti… Sotto i portici e nei bar di una Bologna ricostruita con tagliente affetto si sviluppa un’indagine psicologica che indebolisce il confine tra realtà e immaginazione, investendo di tensione la quotidianità di un uomo divenuto di colpo un bersaglio. Fino alla più sorprendente delle conclusioni.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Gianluca Morozzi

I clown bianchi (I Gechi)

I clown bianchi (I Gechi) di

Ci sono un vecchio amico di Fellini e un killer di mafia innamorato. Due gemelle difficili e una scelta che potrebbe salvare il mondo. Bambini stregoni e tatuaggi che spaventano. E si parla di una coppia stanca, di una curva assassina e di qualcosa che vive là sotto. Tredici autori importanti si divertono a raccontarci storie dove avere paura diventa un piacere.

Non dirmi come va a finire: 20 racconti sulle serie TV (Margini)

Non dirmi come va a finire: 20 racconti sulle serie TV (Margini) di

"Oggi le serie tv non si guardano e basta. Oggi le serie tv si usano. Attraverso le loro storie, i loro personaggi, i loro tormentoni, noi conosciamo, giochiamo e, in molti casi, ci conosciamo. Quelli più creativi, come gli autori di questo libro, hanno capito che le serie televisive rappresentano anche una fonte di ispirazione, che li ha portati a scrivere i racconti contenuti in questo volume...

Fucsia (Margini)

Fucsia (Margini) di

Questa antologia nasce sul tema Fucsia, inteso sia come genere malato, a cavallo tra noir, eros e horror, sia come semplice suggestione. A realizzarla troviamo un mix di autori già pubblicati da grandi editori, come Maria Silvia Avanzato, Stefano Bonazzi e il curatore, Gianluca Morozzi, e un manipolo di esordienti o semiesordienti talentuosi.

L'era del porco

L'era del porco di

Il protagonista di questa storia si fa chiamare Lajos, come un dimenticato calciatore ungherese. Lajos ha un nome e un cognome, naturalmente, ma non li usa mai: il nome perché è troppo brutto e il cognome perché è associato in tutto il mondo a un famosissimo scrittore... suo padre, fuggito in Messico vent’anni prima.Lajos vive a Bologna con i suoi gatti Colasanti, Zanardi e Petrilli, lavora di ...

Il gatto, il cantante e il plettro portafotuna: Un giallo della camera chiusa

Il gatto, il cantante e il plettro portafotuna: Un giallo della camera chiusa di

ALL'INTERNO UN ESTRATTO DEL NUOVO ROMANZO LO SPECCHIO NERO Un cantante un tempo noto viene trovato morto nel suo camerino chiuso dall'interno a poche ore da un concerto. Accanto a lui, un gatto, un flacone di sonniferi e uno stereo acceso a volume innaturale. La causa della morte è un plettro di ferro conficcato nella carotide. Si tratta di uno strano suicidio? O siamo di fronte al classico gia...

L'amore ai tempi del telefono fisso

L'amore ai tempi del telefono fisso di

Qual era la cosa più difficile da fare per un adolescente degli anni Ottanta? Sopravvivere alle spalline e ai paninari? Non farsi pestare dal teppista della scuola durante l’ora di educazione fisica? No: negli anni drammatici del telefono fisso la cosa più difficile del mondo era telefonare a una ragazza. All’altro capo della cornetta avrebbe potuto rispondere chiunque, la nonna sorda, il padre...