Villette

Questo ultimo romanzo di Charlotte Bronte è da alcuni considerato il suo capolavoro; da molti la sua opera più matura sia come contenuti che come modernità di scrittura. Villette è il nome di una città immaginaria del continente dove una giovane donna inglese approda “in cerca di fortuna”, si potrebbe dire, se in realtà la sua non fosse quasi una scelta obbligata, intrapresa per la necessità di sopravvivere e per la fuga da un deserto affettivo. “Potrei fare anche la sguattera pur di non fare l’istitutrice in una casa privata” sostiene la protagonista, ripetendo una convinzione già espressa dall’autrice nell’altro suo romanzo, Shirley. Dunque Lucy, la protagonista, decide di impegnarsi come governante in un pensionato e presto diventa insegnante. Il romanzo di formazione al femminile segue così una linea già tracciata negli scritti dell’autrice, anche se i sentimenti, le convinzioni, vengono qui espressi più appassionatamente che nel passato. E se alcune pagine di questo libro sembreranno al lettore pervase di rabbia e pregiudizi contro la chiesa cattolica, “Roma”, i “Papisti”, allora che pensi all'infanzia e alla vita della scrittrice, allevata da un padre che era un severo pastore protestante, scrittore egli stesso di poemetti religiosi, educata, orfana di madre, in un collegio religioso, mortificata nella sua fame di cultura e di esperienze a causa della sua povertà. Forse il lettore potrà allora trovarsi d'accordo con Virginia Woolf nel pensare che “è evidente che la rabbia ha intaccato l'integrità della romanziera Charlotte Bronte; ella ha trascurato la narrazione, alla quale avrebbe dovuto attenersi fedelmente, per dar sfogo a qualche suo personale risentimento segreto;al ricordo di essere stata defraudata della parte di esperienza che le era dovuta, costretta a marcire in un presbiterio, rammendando calzini, quando invece avrebbe voluto girare libera per il mondo. La sua indignazione ha sviato la sua immaginazione e noi percepiamo lo sbandamento… proprio come percepiamo costantemente una certa acredine, risultato dell'oppressione subita, una sofferenza sotterranea che cova sotto la passione, un rancore che contrae i suoi libri, per quanto splendidi, in uno spasmo di dolore.” Ma il libro ripaga il lettore con la sua intensità: l'autrice vi espone la sua anima più completamente che nelle altre opere, e il sapere che quella “felicità terrena” tanto desiderata e appena toccata doveva realizzarsi e svanire prematuramente, per la sua morte, due anni dopo la pubblicazione del libro, rende l’opera ancora più significativa, nel quadro della vita della scrittrice . Non resta che dire, con le sue stesse parole che “Dio ama coloro che sono sinceri” e che il suo obiettivo di essere sincera con se stessa e di “saldare i conti con la propria vita, senza scrivere nella colonna delle gioie ciò che invece va scritto nella colonna delle miserie” è stato sicuramente seguito con dedizione in questo lungo romanzo in prima persona.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Charlotte Bronte

- Jane Eyre -

- Jane Eyre - di

Jane Eyre, the story of a young girl and her passage into adulthood, was an immediate commercial success at the time of its original publication in 1847. Its representation of the underside of domestic life and the hypocrisy behind religious enthusiasm drew both praise and bitter criticism, while Charlotte Brontë's striking expose of poor living conditions for children in charity schools as wel...

Jane Eyre

Jane Eyre di

Il racconto capolavoro della scrittrice inglese Charlotte Brontë, scritto in forma autobiografica con la protagonista, Jane Eyre, che si rivolge in modo diretto al "lettore". In dissonanza con i cliché dell'epoca, il romanzo è ancora attualissimo grazie alle sue descrizioni, sempre vivaci e realistiche ma mai pedanti, l'attenzione rivolta alla psicologia dei personaggi e ai loro sentimenti. Su ...

Il professore

Il professore di

Il professore fu il primo romanzo di Charlotte Bronte (pubblicato con lo pseudonimo di Currer Bell); fu però pubblicato dal marito dopo la sua morte, ritenendolo un materiale interessante e autonomo, anche se molto del suo contenuto era stato utilizzato dalla scrittrice nel suo ultimo romanzo, Villette. Infatti in entrambi questi romanzi l’autrice attinge alla sua esperienza di istitutrice in B...

Jane Eyre (classico della letteratura) (A to Z Classics)

Jane Eyre (classico della letteratura) (A to Z Classics) di

Il racconto è scritto in forma autobiografica, con la protagonista, Jane Eyre appunto, che si rivolge in modo diretto al "lettore"; lo stile presenta aspetti puntualmente descrittivi dell'ambiente e dei personaggi, insieme all'approfondimento dell'evoluzione della protagonista dal punto di vista emotivo, morale e sentimentale.Accolto con successo già al suo apparire, nonostante il suo porsi in ...

Jane Eyre (Le Grandi Scrittrici)

Jane Eyre (Le Grandi Scrittrici) di

Orfana e priva di mezzi, la piccola Jane Eyre viene accolta da parenti ricchi ma ostili, sottoposta a soprusi e umiliazioni d’ogni genere, privata di qualunque forma elementare d’affetto. Non bastasse, viene affidata ai rigori di un duro collegio vittoriano che, lungi dal domare il suo carattere combattivo, ne affina le qualità esaltandone l’intelligenza, la dirittura morale, il talento e il gu...

Jane Eyre

Jane Eyre di

Jane Eyre è senza dubbio il romanzo più famoso di Charlotte Brontë. Sin dalla sua pubblicazione infatti, avvenuta nel 1847, il libro riscuote grande successo presso il pubblico per l’intensità della narrazione e dei sentimenti descritti, non evitando di sollevare proprio per questo anche qualche nota di scandalo. Il testo narra la storia di una ragazza che, trascorsa un’infanzia triste e auster...