Niente miracoli a ottobre

Alla sua pubblicazione in Perù nel 1965, «Niente miracoli a ottobre» fu al centro di un animato dibattito culturale: una parte della critica lo considerò osceno e offensivo, mentre fu elogiato da autori del calibro di Arguedas e Vargas Llosa.Nel giorno della processione del Signore dei Miracoli, vediamo sfilare tutta Lima: da Don Manuel, ricchissimo e potente banchiere, al suo giovane amante Tito; da Don Lucho, impiegato in cerca di una casa per la famiglia sotto sfratto, a Bety, che aspetta invano un anello di fidanzamento.Una miriade di personaggi danno vita a un ritratto espressionista della metropoli, con lo splendoredei suoi quartieri eleganti e la miseria delle sue periferie: il racconto sociale di Lima e del suo popolo dolente e orgoglioso.Con una prefazione di Mariana Enríquez.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Oswaldo Reynoso

Gli innocenti

Gli innocenti di

Pubblicato per la prima volta nel 1961, «Gli innocenti» fu accolto con lo sconcerto e l’entusiasmo di qualcosa di incredibilmente innovativo. Il Principe, Faccia d’Angelo, Carambola, Ciambella e Rossetto sono i protagonisti di cinque storie che s’intrecciano a formare un’opera corale: «ragazzi di vita» le cui vicende si svolgono nella Lima degli anni Cinquanta, nei suoi quartieri che si vanno...