Sonata a Kreutzer

"Sonata a Kreutzer" è uno dei romanzi brevi dello scrittore russo Lev Tolstoj, pubblicato nel 1889. Nel romanzo è raccontata la lunga conversazione di un uomo con il suo compagno di viaggio sul treno che attraversa da un paio di giorni le sterminate pianure russe. L’uomo (Pozdnyshev) prova l’irresistibile bisogno di confessare una pagina oscura e drammatica della sua vita, un uxoricidio.  

Lev Nikolàevi? Tolstòj è stato uno scrittore, filosofo, educatore e attivista sociale russo.  
Traduzione a cura di Enrichetta Carafa Capecelatro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Lev Tolstoj

Il taglio del bosco

Il taglio del bosco di

La sera del 14 febbraio, avendo appreso che il plotone che io comandavo in assenza dell’ufficiale era designato per andare l’indomani al taglio del bosco, dopo aver la sera stessa ricevuto e dato gli ordini opportuni, più presto del solito mi diressi verso la mia tenda e, non avendo la cattiva abitudine di riscaldarla col carbone, senza spogliarmi, mi gettai sulla mia branda, mi tirai il berret...

La sonata a Kreutzer

La sonata a Kreutzer di

E io vi dico che chi guarda una donna con cupidigia ha già fornicato con essa in cuor suo.(Matt., V, 28).

Due usseri

Due usseri di

Nella sala comune, davanti a una piccola tavola, accanto a un ritratto in piedi, un po’ annerito, dell’imperatore Alessandro, erano seduti a bere dello champagne alcuni uomini, nobili locali di sicuro, e in disparte certi mercanti di passaggio, in pellicce turchine.

La morte di Ivan Ill'ic

La morte di Ivan Ill'ic di

Ma che è stato? Perché? Non può essere. Non può essere che la vita sia così assurda, così schifosa. E se anche è tanto assurda e schifosa, perché morire, e morire soffrendo? C'è qualcosa che non torna.

Guerra e pace

Guerra e pace di

Nei rapporti migliori, anche i più amichevoli, i più semplici, l'adulazione e la lode sono altrettanto necessari del grasso alle ruote perché girino.

Sebastopoli

Sebastopoli di

L'aurora comincia appena a tingere l’orizzonte sopra al monte Sapun; la superficie azzurro-cupa del mare ha già rigettato da sé il tenebrore della notte e aspetta il primo raggio di sole per far giocare il suo allegro scintillio: dalla baia viene freddo e nebbia: neve non ce n’è, tutto è nero, ma la rigida gelata mattutina pizzica il viso e scricchiola sotto i piedi, e il lontano, incessante sc...