Qualcosa manca

Questa storia si apre su quartieri popolari e palazzi grigio cemento invasi di bambini che crescono mordendo la vita, facendo tesoro di un pallone o di un tramonto, o di un pesce che guizza attaccato alla lenza. Tra penombre rinfrescanti, treni sfidati e giochi a voce bassa, partite di calcio su campi pelati, lunghe giornate dove i bambini giocano e imparano, a volte muoiono. In quei palazzi grigi ci sono pianerottoli con porte spalancate e scambi di piatti succulenti tra profumi e sorrisi. In quelle famiglie irrompono le cose della vita, il dolore e l’amore, la speranza e la morte; e vive la cura della comunità e dell’intero Paese, scosso dalle prime bombe degli anni di piombo.
Come in tanti in quei quartieri, un amico si perde nella droga, poi si arrende all’amore della famiglia, e della struggente voce narrante. Ritornano a vivere, ad amare, a pescare in laghetti appartati parlando di sogni, avvolti nel verde di una madre terra che sembra averlo perdonato. E nel sottofondo le canzoni, i baci alle fidanzate e i tramonti caraibici delle loro vacanze, le albe guardate tra le lacrime di commozione e una vita così piena di valore che tramonta facendo sorgere un altro grande sole, a proteggere l’amico rimasto a combattere. Tra le pagine bisbiglia un desiderio intriso di rabbia gentile: far riemergere quell'onestà, quella fattiva speranza, quel senso di responsabilità e quell’umanità che, guardandoci dentro, e attorno, sono in effetti quello che ora ci manca.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Nicola Maestri

Non sarà un inverno freddo

Non sarà un inverno freddo di

Olmo è poco più di un ragazzo, desidera la libertà e ama Clelia di un amore contrastato e struggente. A maggio del 1944, in piena occupazione nazista, decide di unirsi ai ribelli della Resistenza, sulle montagne al confine tra Parma e Reggio. Inizia così un viaggio che ci trasporta, attraverso quello che succederà da lì in poi, sulla superficie delle linee generali della Memoria.“Non sarà un in...

Un giorno senza dolore

Un giorno senza dolore di

Per raccontare il dolore dell’essere umano occorre riconoscerne le sembianze, distinguere l’odore impercettibile della paura, individuarne i percorsi e saperci convivere, essere consapevoli che il terrore e l’angoscia sono stati d’animo universali a qualunque latitudine. Un giorno senza dolore è il frutto di studi, documentazione e interesse verso questa pagina complessa, dolorosa e quasi ignor...