Al di là del mare (Cronache di frontiera)

Una catastrofe umanitaria è in atto davanti ai nostri occhi: la guerra civile che insanguina la Siria e l’instabilità politica dei paesi dell’Africa settentrionale hanno trasformato il Mediterraneo in una delle frontiere più insanguinate della storia.Wolfgang Bauer, sotto mentite spoglie, si unisce a un gruppo di siriani che dall’Egitto vogliono raggiungere le coste dell’Italia per poi proseguire il loro viaggio alla volta dei paesi del nord Europa. Vive e soffre con loro tutte le fasi della lunga odissea: la ricerca dell’intermediario, il viaggio di avvicinamento al luogo dell’imbarco, la traversata verso quello che, agli occhi dei suoi compagni, sembra il paradiso.Un racconto appassionato e commovente, un’immersione in presa diretta nel mare della speranza di chi fugge e lotta per una vita migliore e che spesso noi sentiamo come lontano e diverso.Wolfgang Bauer è un giornalista della Zeit. I suoi reportage hanno ricevuto numerosi premi tra cui il Katholischer Medienpreis e il Prix Bayeux-Calvados dei corrispondenti di guerra. Grande conoscitore del Medio Oriente, nel 2007, ha seguito sul campo le operazioni militari americane in Afghanistan, denunciandone gli abusi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Al di là del mare di Wolfgang BauerMariana Marenghi - Ladra di Libri

Wolfgang Bauer è un giornalista tedesco di altri tempi. La sua missione è quella del reporter e, per farlo, si va a cacciare nelle situazioni più disperate. Ma non fraintendetemi: non è che va a caccia di guai. Più semplicemente fa quello che dovrebbero fare tutti i veri e bravi giornalisti: racconta quello che sa, quello che vede e quello che vive in prima persona, invece di chiudersi in un albergo e riportare veline dell’ultima ora. Al di là del mare nasce proprio da una decisione estrema, che solo un reporter può fare: camuffarsi, celare la propria identità e seguire i flussi migratori che dalla Siria portano all’Egitto, sino ai barconi che portano oltre il Mediterraneo, vero l’Italia. L’ambita, la sognata Italia. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.