Ghost Monza

Monza, anno 2012. All’interno della mostra di pittura allestita nella Villa Reale di Monza, le telecamere inquadrano dei personaggi invisibili altrimenti. Sono personaggi settecenteschi che appaiono prima solo sui monitor di controllo delle telecamere e poi, più corporei, percorrono la città.
Sono incontri inquietanti che in alcuni episodi portano a fatti tragici. Assieme alle apparizioni si verificano anche ritrovamenti di oggetti e diari appartenenti a chi li rinviene.
I diari rinvenuti raccontano di una vita mai avvenuta ma che sarebbe potuta accadere e che forse era quella più in sintonia e più giusta per l’interessato. Un possibile futuro ostacolato da eventi ma soprattutto da terzi.
Due parroci sembrano essere nell’occhio di questo ciclone di eventi che ha per epicentro il cuore della città di Monza.
Un loro confratello, don Giulio, sta pasticciando con qualcosa più grande di lui e cercando di mettere in atto un colpo di stato al pianeta intero.
Sovvertire un dio e le regole che governano l’universo conosciuto per evocare un nuovo dio e farsi tenutario della nuova dottrina fondata sul terrore e sulla sottomissione degli uomini.
I due parroci non saranno soli nella loro battaglia contro il male, saranno al loro fianco due giovani: una ricercatrice e un giornalista.
Scopriranno che don Giulio e la sua ormai numerosissima pletora di seguaci, sta preparando il Varco attraverso il quale avverrà il passaggio da un’era all’altra.
Il luogo prescelto è il Duomo di Monza.
La città sembra sotto assedio, il suo aspetto è degradato come dopo una battaglia, tutto è invaso dalla vegetazione e ovunque si aggirano strani personaggi a metà tra l’aldiqua e l’aldilà.
Sembrano passati anni ma sono passate solo poche settimane. La città è prima preda di balordi e sciacalli, poi solo esseri particolari e animali ancora più strani
In una notte di pura follia, tutte le strutture portanti del Duomo subiscono un contorcimento trasformando le belle colonne gotiche in un groviglio raccapricciante. Ma non è nulla a confronto di quanto avviene la notte in cui i quattro indagatori si avventurano al suo interno per raccogliere documentazione per le loro ricerche.
Quello che nessuno sa è che le apparizioni con i personaggi settecenteschi e i ritrovamenti, sono correlati al passaggio di una grosso asteroide che assorbe i ricordi e tutto quanto è avvenuto sulla terra ad ogni suo passaggio e l’ultimo è stato proprio nel millesettecento. È forse qualcosa che ha a che fare con il documento “dell’Akasha” tibetano. La memoria dell’universo e di Dio.
Tutto si concluderà il 24 dicembre 2012, quando dopo un’epica battaglia tra il bene ed il male, verranno in aiuto anche tutti i fantasmi del settecento disturbati dal loro sonno eterno e lo stesso Duomo, animato nella sua struttura, allontanerà il maligno e ogni tentativo di sovvertire l’ordine.
Dopo la battaglia tutto tornerà all’ordine consueto ma per i quattro indagatori nulla sarà più come prima ed in particolare per uno dei due sacerdoti che si accosterà alla sua fede in un modo diverso, più ampio.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo