UNA VACANZA PER RICOMINCIARE A SOGNARE *2*: un'estate per ricominciare a vivere (Una vacanza per ricominciare sognare)

Compra su Amazon

UNA VACANZA PER RICOMINCIARE A SOGNARE *2*: un'estate per ricominciare a vivere (Una vacanza per ricominciare sognare)
Autore
Lady Purple
Pubblicazione
1 agosto 2015
Categorie
Faceva caldo, molto caldo ma non era quello il motivo per cui non riuscivo a prendere sonno quella notte. Non vedevo l’ora che arrivasse mattina, non vedevo l’ora di trovarmi faccia a faccia con lui e questo pensiero mi teneva sveglia. Mi ero accorta che quello appena trascorso era il primo giorno in cui non mi aveva scritto nessun messaggio così, dal momento che per qualche motivo io ero ancora riluttante nel decidermi a scrivergli per prima, non ci eravamo sentiti.

Sì, beh, chissenefrega dei messaggini, domani lo vedrò e…

E nemmeno nei miei pensieri riuscivo ad immaginare un finale positivo.



Sentivo Camilla nella stanza accanto borbottare nel sonno. Si sarebbe dovuta incontrare con Matteo verso l’ora di pranzo in spiaggia ma ero abbastanza convinta che alla fine avrebbe fatto in modo di far venire lui a casa. Potevo biasimarla? Se ne avessi avuto l’occasione avrei cercato di fare lo stesso.



Probabilmente da quando avevo cominciato a soffrire di attacchi di panico ad alto livello, avevo perso la capacità di sognare. Avevo perso la capacità di credere che le cose non necessariamente erano destinate ad andare nel peggior modo possibile.

Eppure ero lì…

Insomma, certo l’idea predominante era poter dire di aver fatto tutto quello che era in mio potere ma forse… forse una piccola parte di me sperava in un lieto fine, o almeno nella possibilità di un ‘to be continued’…

Il sonno di Camilla si faceva sempre più agitato. Mi fidavo ciecamente di Matteo, ma per l’ennesima volta finii con il chiedermi se quei due stessero facendo la cosa giusta.

Nessuno sarebbe riuscito a levarmi dalla testa che per me e lei tornare al ‘prima’ sarebbe stato quasi impossibile.

Forse stava facendo un incubo… sarebbe il caso di svegliarla?

Ma non mi diedi una risposta, sopraffatta dal sonno che finalmente stava facendo la sua comparsa.



Alle otto fu proprio Camilla a tirarmi letteralmente giù dal letto.

“Su! Andiamo! Che ci fai ancora a letto?”

“Mh, non saprei… Dormo?”

Tra una cosa e l’altra non avevo dormito più di quattro ore ma la mia amica non sembrò preoccuparsene.

“Ok, dormirai in un altro momento, ora andiamo in spiaggia e, a costo di ripetermi, non capisco come fai ad essere così tranquilla…”

Al suono di quelle parole mi svegliai di colpo…

“Marco!”, urlai quasi.

“Eh, appunto…”

“E’ che ci ho pensato gran parte della notte e poi sono crollata…”

“Gran parte della notte eh? Ed erano pensieri bollenti?”

“Che scema…”, le urlai tirandole dietro il mio cuscino, “… comunque certo che sì…” e le feci una linguaccia.

Ad un certo punto era stato così sul serio e in fondo era abbastanza comprensibile…

“Ottimo, ora cerchiamo di far diventare realtà quelle dolci sconcezze eh, perché parli parli ma sei ancora nel letto. Tra un quarto d’ora gradirei che si stesse uscendo di casa…”



seguito di 'una vacanza per ricominciare a sognare'

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Lady Purple

UNA CASA: tre piani da vivere

UNA CASA: tre piani da vivere di

La casa è al completo… la casa era al completo, quel pensiero continuava a frullarle per la testa, così semplice eppure così denso di significato. In ogni piano c’era qualcuno che poteva continuare a vivere, che poteva ricominciare ad inseguire i propri sogni… E in piccola, piccolissima parte, era anche per merito suo. Un sentimento dolce la travolse fino a farla commuovere. Ida, Giulio, Leona...

Una vacanza per ricominciare a sognare

Una vacanza per ricominciare a sognare di

La casa ora tornava ad essere viva, per me. Era strano quanto anche solo sfiorare con le dita i mobili, i muri e lo specchio nel corridoio diventasse un’esperienza emotivamente molto potente. Quello specchio… Ah quello specchio! Vi vedevo riflesse un infinito numero di immagini estremamente felici. Raccoglieva le istantanee del controllo abiti finale prima delle uscite serali. Immagini e suoni...

SCRIVO PERCHè...: (parte 1-2-3)

SCRIVO PERCHè...: (parte 1-2-3) di

Un amore da dimenticare, una vita da ritrovare e un diario da scrivere... Riusciranno le parole a ridarle il senso che stava cercando?

"SCRIVO PERCHè...": parte terza: UN NUOVO ANNO PER TROVARE NOI!

"SCRIVO PERCHè...": parte terza: UN NUOVO ANNO PER TROVARE NOI! di

E invece continuava a rimanere impallata in questa malinconia che turbinava su se stessa. Come se una parte di lei in realtà non volesse ancora lasciarlo andare, come se ritenesse fosse ancora lui il suo LUI per la vita. Diceva di volerlo dimenticare, ma non era la verità. E non perché si sentisse, comprensibilmente, ancora troppo coinvolta, ma perché in profondità, qualcosa dentro continuav...

"SCRIVO PERCHè...": giorni per ritrovare me...

"SCRIVO PERCHè...": giorni per ritrovare me... di

La casa era particolarmente silenziosa. I suoi genitori in quel periodo erano spesso fuori per vari motivi e Matteo evidentemente era con Valentina. Benedetta andò in camera sua e si mise sul letto, lasciando le luci spente. Prese il telefonino e lesse il messaggio di Marzio, che in realtà erano 2. Chissà, non sarà abituato a non avere risposte quasi in simultanea… Pensò con un moto di amarez...