Il futurismo tra cultura e politica: Reazione o rivoluzione?

Un secolo fa, nel febbraio 1909, veniva dato alle stampe il Manifesto con cui nasceva una delle ultime avanguardie artistiche: il futurismo. Scritto da Marinetti insieme a un piccolo gruppo di artisti e letterati, segnava l’inizio di un tragitto che avrebbe visto intrecciata indissolubilmente la vicenda del movimento a quella del suo fondatore, tra contraddizioni e cedimenti, generosità e opportunismi. Primo movimento a teorizzare e praticare una concezione “totalitaria” dell’azione culturale, il futurismo espresse subito una forte passione politica: mossi da una vigorosa istanza modernizzatrice, i futuristi cantarono le «masse agitate dal lavoro e dalla sommossa», e la guerra, «sola igiene del mondo», e le «belle idee per cui si muore», e il «disprezzo della donna», ma anche la sua emancipazione. La fase “eroica” si esaurí con la Grande Guerra, che condusse poi Marinetti all’abbraccio fatale con Mussolini. Il sodalizio con il Duce fu portato avanti con cieco accanimento dal leader futurista, che partecipò a tutte le guerre mussoliniane: il “teppista” era diventato uomo di potere, l’avanguardista, che voleva chiudere musei e accademie, indossava feluca e spadino da “accademico d’Italia”. Aderí all’estrema manifestazione del fascismo, la Repubblica Sociale Italiana: solo la morte, nel 1944, gli impedí di giungere all’onta della disfatta senza onore del regime fascista. Il libro – che offre una ricca antologia di testi – affronta i temi principali del rapporto tra futurismo e politica, anche alla luce delle analisi di A. Gramsci, mettendone in luce i diversi, contraddittorî aspetti, dando spazio alle componenti di sinistra del movimento, ben presto emarginate.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Angelo d'Orsi

L'intellettuale antifascista

L'intellettuale antifascista di Angelo D'Orsi Neri Pozza

Una vita intensa quanto breve, quella di Leone Ginzburg, consumata fra il 1909 e il 1944, fra Odessa, dove nacque, in un’agiata famiglia israelitica, e Roma, a Regina Coeli, dove trovò la morte nel Braccio del carcere controllato dai nazisti, ai quali era stato consegnato dai fascisti italiani. Da Viareggio e Forte dei Marmi, dove trascorreva le vacanze, a Torino, dove compí quasi tutti gli ...

Gli ismi della politica: 52 voci per ascoltare il presente

Gli ismi della politica: 52 voci per ascoltare il presente di Angelo d'Orsi Viella Libreria Editrice

La politica nasce, nel mondo occidentale, nella polis greca, come arte della convivenza nella città, diventando ben presto scienza della corretta amministrazione, e poi del buon governo. Secoli dopo, Machiavelli ci spiega la politica come scienza del potere, che peraltro, per lui, è un mezzo, non un fine in sé. Oggi la politica appare screditata. Si ricorre alla “società civile” nel tentativo ...

Gramsci: Una nuova biografia

Gramsci: Una nuova biografia di Angelo d'Orsi Feltrinelli Editore

Angelo d’Orsi racconta la storia di Antonio Gramsci dall’infanzia in Sardegna a Torino, da Mosca a Vienna, da Roma al carcere di Turi, fino alla clinica romana dove poi spirerà nel 1937. Personaggi pubblici e figure della vita privata, a cominciare dalla famiglia Schucht e dalla complessa vicenda amorosa con Giulia, attraversano la vita e la vicenda intellettuale e politica del più grande ...