Sirena (Rimmel)

“Non dimenticare il tuo corpo”. E tu ti sforzi di non farlo. Il piede. Sì, è lì. Il polpaccio, il ginocchio, la coscia, il ventre. Sì, non lo dimentichi e ti pare di sentirlo, anche se a sfiorarlo è come se non fosse tuo. “Concentrati sul piede e prova a muoverlo”, ti dicono. Ci provi qualche volta, poi capisci che è un’idiozia. Tentativi che alimentano illusioni e consumano energia. Meglio concentrarsi sul reale. E il reale è un’immobilità esplosiva e una strada nuova tutta da percorrere. Che si fa? Si va, naturalmente.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Barbara Garlaschelli

Non volevo morire vergine

Non volevo morire vergine di

A Milano, in una giornata di ottobre del 1982, guardo fuori da una delle tante finestre della classe e vedo ragazzi e ragazze che passeggiano nel prato della scuola. Una volta ero come loro. Camminavo, correvo, saltavo. Ora tutto è cambiato. Io sono ferma mentre loro continuano a correre, ignari del tesoro che possiedono: un corpo che risponde alla propria volontà. E io non voglio morire vergi...

Alice nell'ombra

Alice nell'ombra di

Chiusa in una villa buia e dalle stanze interminabili che è stata la sua gabbia dorata per tanto tempo, Alice è coinvolta in una spietata caccia all’uomo in cui può soltanto vincere o soccombere. Dall’ombra del passato, i suoi ricordi portano alla luce gli eventi che le hanno fatto vivere una vita non sua, in una campana di vetro soffocante e crudele, tra due donne forti e ambigue e un uomo che...