La cura (Piccola biblioteca Adelphi)

Una pausa di due settimane nella vita di un intellettuale che aspira alla saggezza lo spinge – attraverso piccoli fatti in apparenza irrilevanti – a dubitare con buone ragioni di sé: e quell’intellettuale è Hesse stesso, che ironizza stupendamente sulla propria persona. Questo conflitto silenzioso, involontariamente comico ma non perciò meno duro, si svolge entro la cornice antiquata di una stazione termale: su tale pretesto, Hesse ha costruito una delle sue più perfette parabole, "La cura" (1925), che segue di poco a "Siddharta" (1922) e in certo modo ne è «l’altra parte». Come lì si assisteva a un itinerario verso l’illuminazione, qui si ‘smonta’ un illuminato occidentale troppo sicuro di sé, che viene messo in crisi da piccoli incidenti quotidiani – e da ciò è condotto a rivedere certe sue convinzioni troppo tranquille. Ma il punto di arrivo è lo stesso: in quella «psicologia dell’occhio cosmico» che è il grande dono di Hesse e davanti alla quale «non c’è più nulla di piccolo, di sciocco, di brutto, di malvagio, ma tutto è santo e venerabile».

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Hermann Hesse

Demian (Oscar classici moderni Vol. 205)

Demian (Oscar classici moderni Vol. 205) di

Scritto nel 1917 e pubblicato nel 1919, Demian è la storia di un ragazzo combattuto fra due mondi, quello bello e pulito del bene e quello terribile, enigmatico eppur allettante del male. Protagonista è il giovane Emil Sinclair, caduto sotto l'influsso di un cattivo compagno di scuola, Franz Kromer, che lo spinge a ingannare i genitori, rubare e discendere la china del peccato. Sarà un altro ...

L'infanzia dell'incantatore (Oscar scrittori moderni Vol. 1850)

L'infanzia dell'incantatore (Oscar scrittori moderni Vol. 1850) di

Restio a concedere al lettore spiragli della propria cronaca privata, Hermann Hesse non ha mai scritto un'autobiografia organica, ma ha affidato la sua affascinante visione del mondo a scritti in cui la biografia confina con il romanzo. Ne sono esempio i tre testi riuniti nel volume.

Il viandante (Oscar scrittori moderni Vol. 1642)

Il viandante (Oscar scrittori moderni Vol. 1642) di

Per la prima volta raccolte in un unico volume le pagine autobiografiche dedicate da Hesse all'avventura del "partire", dell'"essere in cammino". Dalla Foresta Nera all'Italia, alla lontana Indonesia, alla ricerca di verità antiche sotto sembianze nuove.

La felicità (Mondadori) (Oscar scrittori moderni Vol. 1799)

La felicità (Mondadori) (Oscar scrittori moderni Vol. 1799) di

Un volume che raccoglie prose e poesie, articoli e lettere, in cui Hesse va alla ricerca del suono della felicità nel profondo della propria anima: una passeggiata nel bosco, una gita sul lago, l'arrivo di un temporale, i ricordi d'infanzia... Momenti diversi, ma accomunati da una semplicità che rivela il dono di saper vivere l'attimo.

Il canto degli alberi

Il canto degli alberi di

Un libro di poesie, prose e racconti di Hermann Hesse che hanno come tema unificante gli alberi, figure emblematiche della vita naturale. Faggi, castagni, peschi, betulle, tigli, querce e molti altri, nella magnificenza della fioritura o con i rami nodosi offerti alle brinate notturne, illuminati dal sole o al chiarore della luna: sono loro i protagonisti indiscussi di questa raccolta. Essi acc...

Romanzo della mia vita: Scritti autobiografici

Romanzo della mia vita: Scritti autobiografici di

Un romanzo nel romanzo: la vita dello scrittore tedesco, attraverso le pagine di diario e scritti vari. La storia di un itinerario spirituale ed esistenziale di rara coerenza.