Storie irlandesi di folletti e magia (Nobel)

In questo interessante libro pubblicato da W.B.Yeats nel 1888 sono raccolte i racconti e le fiabe della tradizione irlandese. Le storie già rielaborate da illustri personaggi come Crocker e Lady Wilde, per citarne due tra i tanti, sono state organizzate e commentate da Yeats stesso che ha inserito brani suoi di poesia e interessanti saggi critici. Un percorso nella “storia delle storie” che ci accompagna in un mondo favoloso per bellezza e tradizioni . Un modo per celebrare i luoghi che più il poeta ha amato fin da bambino, nell’Ovest e nel Nord Ovest dell’Irlanda: Rosses, Sligo, Knocknarea. Ecco gli ingredienti di questa raccolta così ricca e significativa, in una nuova traduzione curata da Luisa Pecchi, che di Yeats ha già tradotto e curato ‘I Racconti Del Rosso Hanrahan’. All'interno - come in tutti i volumi Fermento - gli "Indicatori" per consentire al lettore un agevole viaggio dentro il libro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di William Butler Yeats

I racconti del rosso Hanrahan (Libri da premio)

I racconti del rosso Hanrahan (Libri da premio) di William Butler Yeats Nobel

Hanrahan è un maestro girovago: con un calamaio legato al collo da una catenella, il libro di Virgilio e l’abbecedario, si muove tra i villaggi della regione del Kiltartan, in Irlanda. Canta canzoni che lui stesso compone dopo averle sentite dal piviere della montagna o dal vento che spazza la brughiera. È un poeta e conosce il dolore del mondo. È un musico e lo sa cantare. È un uomo, ama e ...

Quaranta poesie (Collezione di poesia Vol. 15)

Quaranta poesie (Collezione di poesia Vol. 15) di William Butler Yeats EINAUDI

In Yeats si riconosce ormai la maggior voce poetica di lingua inglese degli ultimi cento anni- e v'è chi è pronto ad estendere il confine temporale addirittura a trecento anni, rispettando solo la grandezza di un Shakespeare, di un Milton, di un John Donne. La sua poesia, anche al di là delle sue singolarissime qualità formali, ci rende la figura intera dell'Uomo, il suo costante tormento ...