TI AMO: Istantanee sentimentali e altro

Ti amo! Solo chi ha pronunciato queste due parole guardando dritto negli occhi la persona amata conosce tutta la loro potenza.

Solo chi ha ricevuto una tale dichiarazione d'amore ha visto riflessa negli occhi dell'altro "un'immagine di se talmente perfetta da renderlo simile a Dio".

Ogni altra espressione amorosa non è neanche lontanamente paragonabile alla forza di "redenzione", o di "dannazione", posseduta dalle parole "Ti Amo".

Dire "Ti amo" è come dire "Ti amo ma non dipende da me", vuol dire rivelare l'esistenza di un sentimento che prescinde la nostra volontà, e che proprio in questa speciale autonomia trova la sua più profonda autenticità.

E’ l’amore che sceglie noi e non il contrario.

Non si ama perché si vuole amare, ma perché non se ne può fare a meno.

Il sentimento suscita facili entusiasmi, altera la realtà delle cose, facilmente induce minimizzare piuttosto che ad affrontare, fa vedere più spesso il bicchiere mezzo pieno piuttosto che mezzo vuoto, anche quando, sul fondo, davvero non sono rimaste che poche gocce.

Dire “Ti amo” allora è da incoscienti?

Forse, però, chi lo sa, magari non dirlo potrebbe esserlo ancora di più.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Paolo Lanciai

RAID GOUM: Diario di viaggio di un goumier agnostico

RAID GOUM: Diario di viaggio di un goumier agnostico di Paolo Lanciai

Il Goum è un viaggio durante il quale un credente ha la possibilità di stare a contatto con Dio per tutto il tempo. Può dedicargli fatica, fame, sete e vesciche. Può ringraziarlo per il cibo, per la bellezza dei paesaggi e per le persone che con lui condividono la stessa esperienza. Può sentirsi non un granello di sabbia, non un mucchietto riciclato di atomi, ma parte, nella sua unicità, dell'...

LE STRAORDINARIE AVVENTURE DI LUDO E MILLA: ... e il Linguaggio Universale

LE STRAORDINARIE AVVENTURE DI LUDO E MILLA: ... e il Linguaggio Universale di Paolo Lanciai