Il crogiuolo (Collezione di teatro Vol. 56)

Compra su Amazon

Il crogiuolo (Collezione di teatro Vol. 56)
Autore
Arthur Miller
Editore
EINAUDI
Pubblicazione
21 luglio 2015
Categorie
Il crogiuolo è la terza opera teatrale di Arthur Miller e si differenzia in modo piuttosto netto dalle due precedenti, Erano tutti miei figli e Morte di un commesso viaggiatore. The Crucible ci trasporta infatti in un'epoca remota, nel XVII secolo, e ci fa assistere a una folle esplosione di fanatismo religioso in seno a una minuscola comunità del Massachuttes, Salem, isolata dal resto del mondo e tenacemente attestata sul "confine della foresta" a sfida delle tribù indiane ancora selvagge. Ma al contempo è anche un'allegoria polemica al clima di "caccia alle streghe" messo in atto dal maccartismo che imperava negli Stati Uniti negli anni Cinquanta. Scritto in sedici mesi e poi messo subito in scena, il 22 gennaio 1953, al Martin Beck Theatre di New York, Il crogiuolo è dunque un dramma in cui accanto alla polemica politica si intreccia quella sensiblità morale e fantastica caratteristica di Miller, che all'epoca scrisse: "Non fu soltanto la nascita del maccartismo a provocarmi, ma qualcosa che appariva molto più fatale e misterioso. Era il fatto che una campagna politica fosse in grado di creare non soltanto terrore, ma una nuova realtà soggettiva, una vera mistica che stava a poco a poco assumendo addirittura una colorazione sacra...Vedevo uomini consegnare la propria coscienza ad altri uomini e ringraziarli della possibilità che essi gli davano di farlo".

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Arthur Miller

Presenza (L'Arcipelago Einaudi)

Presenza (L'Arcipelago Einaudi) di

Il punto di vista è sempre maschile, ma l'età e lo status sociale dei protagonisti variano. Il ragazzino che vuole adottare un cane in Bulldog viene sedotto da una donna appena conosciuta ed entra cosí nell'inebriante mondo degli adulti. In Il manoscritto nudo uno scrittore in crisi artistica e personale cerca di ritrovare l'ispirazione scrivendo sul corpo di una giovane reclutata con un annunc...

A fuoco (L'Arcipelago Einaudi)

A fuoco (L'Arcipelago Einaudi) di

Lawrence Newman fa quasi tenerezza nella sua goffaggine: pavido e abitudinario, vive con la madre in una tranquilla zona residenziale cullandosi in illusioni stantie. Dietro la facciata perbene nasconde però un aspetto del quale è piú difficile sorridere: quando vede una scritta antisemita, legge di atti di vandalismo o sente i vicini scagliarsi contro il negoziante ebreo del quartiere, è ...

Vetri rotti (Collezione di teatro Vol. 357)

Vetri rotti (Collezione di teatro Vol. 357) di

Brooklyn, novembre 1938. Sylvia Gellburg, ebrea, casalinga, viene improvvisamente colpita da un'inspiegabile paralisi agli arti inferiori. Il medico, Herry Hyman, suo coetaneo e conoscente, è convinto della natura psicosomatica del male e, al tempo stesso, è sentimentalmente attratto dalla donna, mentre il marito di Sylvia, Phillip, non riesce ad accettare quanto sta accadendo. Ben presto emerg...

Il mondo di Mr Peters (Collezione di teatro Vol. 378)

Il mondo di Mr Peters (Collezione di teatro Vol. 378) di

«In quello stato di sonnolenza cosí familiare agli anziani, quando non si è ben sicuri dell'affidabilità delle proprie percezioni, Mr Peters, un uomo che nella sua lunga vita ha visto morire praticamente tutti i suoi amici («e tutte le donne con cui sono stato a letto, tranne mia moglie»), si ritrova in un ambiente sconosciuto, un vecchio night in disarmo, che lo attira e respinge allo stesso t...

Il prezzo (Collezione di teatro Vol. 440)

Il prezzo (Collezione di teatro Vol. 440) di

Due fratelli che non si parlano da molti anni si ritrovano insieme in una stanza di una casa che sta per essere abbattuta. Si tratta di vendere i mobili di famiglia, lí accatastati dopo la morte del padre, a un anziano antiquario ebreo-russo. Si tratta di stabilirne il prezzo, ma si tratta anche di ripercorrere le proprie vite e confrontare le diverse scelte fatte: la famiglia, la carriera...

Morte di un commesso viaggiatore (Collezione di teatro Vol. 233)

Morte di un commesso viaggiatore (Collezione di teatro Vol. 233) di

Andato in scena a New York nel febbraio del '49 per la regia di Elia Kazan, Morte di un commesso viaggiatore costituisce forse il più clamoroso successo teatrale del dopoguerra - un successo che, dagli Stati Uniti, dilaga in tutto il mondo. Partendo dall'idea di descrivere, in chiave quasi comica, quanto si agita all'interno della testa di un uomo, Miller lavorò sin dall'inizio sull'ipotesi di ...