NICKNAME: morte in rete

Lo scenario della nuova criminalità informatica ha ispirato la penna di Gianfranco Virardi, che ha ambientato il suo romanzo thriller nel mondo delle chat.

La storia racconta di una mente criminale che si aggira in cerca delle sue vittime e dei suoi assassini nelle chat.

La vittima del suo folle disegno criminale è Iris, una ragazza come tante, che si diverte a chattare con gli amici. Una sera viene contattata da Etrom che la minaccia di morte. Decide di raccontare tutto al suo migliore amico, che presto si accorgerà di amare. Intanto qualcuno progetta nei dettagli la sua fine.

Un intreccio nero dai risvolti adrenalinici, tra virtuale e mondo reale. L’ambiente ambiguo delle chat è il terreno di caccia, dove identità mistificate incontrano altre solitudini adulterate. La rete destinata a creare relazioni, nel romanzo assume un’inquietante finalità rovesciata, diretta al male. Molta suspense, come sa darla un thriller ben riuscito. Finale insospettabile, senza mai perdere di vista la realtà.

Dopo averlo letto, chattare non sarà più la stessa cosa.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Gianfranco Virardi

Prossima fermata

Prossima fermata di

Il romanzo è un thriller metropolitano, che vede come protagoniste persone comuni. Nella storia sono affrontati il tema del traffico di minori, della violenza sulle donne, della guerra, dei rapporti tra genitori e figli, dell’amicizia, dell’aborto, dell’adozione internazionale, della sofferenza. Non mancano i colpi di scena e i momenti di intenso mistero, legati agli incredibili poteri della...