La cugina Bette (Emozioni senza tempo)

Compra su Amazon

La cugina Bette (Emozioni senza tempo)
Autore
Honorè De Balzac
Editore
Fermento
Pubblicazione
15 luglio 2015
Categorie
Appartenente al ciclo dei poveri, del quale 'Il cugino Pons' è l'altra metà, questo appassionante romanzo di Balzac fu scritto nel 1846. Vi si narrano le problematiche della famiglia Hulot in un arco di tempo di otto anni, durante il quale graviteranno intorno ad essa un gran numero di personaggi. Come sempre il grande scrittore francese riesce a prendere le distanze dal romanzo di appendice e a farsi fedele fotografo delle dinamiche sociali della vita di provincia, principalmente fondate su sesso e potere economico. Leggerete di grandi amori, passioni folli, sacrifici e onore, intrighi e invidie e gelosie. Custodie di queste pulsioni è la cugina Bette, che vive all'ombra della grande famiglia e alla quale vengono confessati tutti i segreti, anche i più inconfessabili, come si fa con chi è ritenuto degno di fiducia ma innocuo. Ecco perché il finale vi lascerà sorpresi e a bocca aperta: Bette improvvisamente muterà la propria condizione passiva in un attivismo che sfocia nella vendetta. Il riscatto dopo le mille umiliazioni è un premio meritato per un personaggio che merita un posto di rilievo nella storia della letteratura francese, e per il lettore che seguirà con sempre crescente partecipazione le sue vicende.
All'interno - come in tutti i volumi Fermento - gli "Indicatori" per consentire al lettore un agevole viaggio dentro il libro.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Honorè De Balzac

Il cugino Pons (Emozioni senza tempo)

Il cugino Pons (Emozioni senza tempo) di

Appartenente al ciclo dei poveri, del quale 'La cugina Bette' è l'altra metà, fu scritto a completamente del progetto un anno dopo rispetto al prologo, nel 1847. Il cugino Pons è un uomo povero, dignitoso e antiquato nel proprio stile di vita e nel proprio modo di pensare, che porta avanti due enormi passioni: ama la buona tavola ed è collezionista di oggetti preziosi. Appoggiandosi vicendevolm...

Eugénie Grandet

Eugénie Grandet di

La vita scorre placida a Saumur: l’avaro père Grandet, ex bottaio e vignaiolo, è impegnato ad accumulare una ricchezza colossale, madre e figlia Grandet conducono una vita oscura e monotona sempre impegnate a cucire e a rammendare, mentre su tutti vigila la Grande Nanon, la fedele serva di Casa Grandet. Due famiglie, i Cruchot e i Des Grassins, si contendono la mano di Eugénie, destinata a dive...

Illusioni perdute (Libri da premio Vol. 63)

Illusioni perdute (Libri da premio Vol. 63) di

Ancora una volta Balzac dedica un approfondito studio alla vita di provincia, portando alla nostra attenzione scene solo all'apparenza di normale quotidianità nel tessuto sociale francese dell'Ottocento. Questo romanzo pubblicato inizialmente in tre parti tra il 1837 e il 1843 fu dedicato a un altro dei grandi scrittori francesi del Diciannovesimo Secolo, Victor Hugo. È la storia di un giovane ...

La falsa amante: (dalle Scene della vita privata)

La falsa amante: (dalle Scene della vita privata) di

Un intrigo amoroso che vede coinvolti due amici della bella società parigina. La nuova edizione di un classico appartenente al vasto ciclo balzachiano degli "Studi di costumi".

Ferragus: capo dei Devorants

Ferragus: capo dei Devorants di

Protagonista del romanzo, il primo che compone la trilogia de La storia dei tredici, è il barone de Malincour che, in cerca di Clémence, la donna da lui amata, crede di scoprire un losco legame fra costei e un pezzente di nome Ferragus. Ma la vera identità dell'uomo sfugge a tutti... Capolavoro narrativo e stilistico, Ferragus è uno dei più affascinanti e accesi romanzi usciti dalla penna genia...

I segreti della principessa di Cadignan

I segreti della principessa di Cadignan di

Collezionatrice di amanti, la dissoluta principessa di Cadignan non esita a ingannare il suo spasimante di turno esibendo una fallace immagine di sé. Una figura femminile tipica del "teatro" balzachiano.