Le poesie (annotato): edizione integrale arricchita da una biografia dettagliata e dal saggio "Dell'equivalenza manzoniana"

Edizione integrale arricchita da:



- biografia dettagliata

- saggio “Dell'equivalenza manzoniana”













SINOSSI



Alessandro Manzoni, celebrato autore de “I promessi sposi”, non fu solo romanziere, ma anche poeta, specie durante la sua giovinezza. Si tratta di opere ingiustamente considerate minori, dalle quali si possono intuire i prodromi del capolavoro della Letteratura Italiana.

Alessandro Manzoni scrisse componimenti di derivazione classica ricchi di simbolismi e allegorie (specie in gioventù), poesie di impegno civile e patriottico, carmi di argomento religioso (dopo la conversione del 1810).

Una selezionata raccolta dei suoi componimenti in versi più importanti viene qui proposta:

RITRATTO DI SE STESSO (AUTORITRATTO)

A FRANCESCO LOMONACO - LA VITA DI DANTE

ALLA MUSA

ALLA SUA DONNA

ODE AMOROSA (QUAL SU LE CINZIE CHIOME)

FRAMMENTO D’UN’ODE ALLE MUSE

APRILE 1814

IL PROCLAMA DI RIMINI

SUL NOME DI MARIA

IL NATALE DEL 1833

STROFE PER UNA PRIMA COMUNIONE

IRA DI APOLLO.



Le versioni integrali qui presentate sono arricchite dalla biografia dell’autore e dal saggio “Dell’equivalenza manzoniana”.













L’AUTORE



Alessandro Manzoni, inarrivabile autore de “I promessi sposi”, nacque a Milano nel 1785 da Don Pietro Manzoni e Giulia Beccaria, figlia di quel Cesare autore de “Dei delitti e delle pene”, sebbene si dicesse che in realtà fosse il frutto di una relazione adulterina della madre con Giovanni Verri, fratello cadetto di Alessandro e Pietro, noti esponenti dell'Illuminismo.

Dopo avere trascorso la sua gioventù presso alcuni collegi gestiti da religiosi nel milanese e in Svizzera, a trenta anni si riunì A Parigi con la madre appena rimasta sola a causa della morte del compagno Carlo Imbonati. Ivi conobbe e sposò con rito calvinista la prima moglie Enrichetta Blondel, figlia di un banchiere, da cui ebbe dieci figli. All’età di trentacinque anni si convertì al cattolicesimo di stampo giansenista. Da quel momento la sua vita e la sua produzione artistica mutarono radicalmente.

Dopo la morte di del padre Don Pietro Manzoni, si trasferì definitivamente a Milano con tutta la famiglia.

La sua vita fu ricca di gioie e affetti, ma anche di molti dolori (le due mogli e ben otto dei suoi figli gli premorirono).

Studioso e letterato, dedicò tutta la sua vita alla poesia, di cui di lascia opere immortali quali “Marzo 1821” e “Cinque maggio”, e alla stesura de “I promessi sposi”, il romanzo romantico e risorgimentale per antonomasia, capolavoro assoluto dell’Ottocento, a cui lavorò indefessamente per quasi trenta anni. “I promessi sposi”, opera rivoluzionaria che ebbe un successo di pubblico e di vendite senza pari che si protrae sino ai giorni nostri, procurò ad Alessandro Manzoni fama internazionale, ma nessun ritorno di natura economica.

Morì ottuagenario nel 1873, acclamato come patriota e padre della lingua italiana moderna.

In suo onore Giuseppe Verdi compose ed eseguì una “Messa da requiem”.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Alessandro Manzoni

Fermo e Lucia

Fermo e Lucia di Alessandro Manzoni Sinapsi Editore

Alessandro Manzoni nasce a Milano nel 1785. Figlio del conte Pietro e di Giulia Beccaria, nel 1808 si sposa con Enrichetta Blondel e due anni dopo, nel 1810, si converte al cattolicesimo. Seguono anni di intensa attività letteraria e di fervidi contatti con gli ambienti del romanticismo milanese: ne nasce la poesia dei primi Inni sacri e delle odi politiche (Marzo 1821 e Il cinque maggio) e l'...

Il conte di Carmagnola

Il conte di Carmagnola di Alessandro Manzoni Sinapsi Editore

Il conte di Carmagnola è uno dei drammi storici più noti della letteratura italiana. La vicenda di Francesco di Bartolomeo Bussone, conte di Carmagnola, generoso condottiero di ventura del XV secolo, conteso tra la primitiva militanza viscontea e il successivo servizio alla repubblica veneziana, inscena la tragedia dell'Innocente, ripetendo il calvario di Cristo e il tradimento di Giuda, nel ...

I promessi sposi

I promessi sposi di Alessandro Manzoni Sinapsi Editore

I Promessi sposi si è imposto nel corso dei secoli come uno dei più grandi romanzi italiani di tutti i tempi. Nella vicenda seicentesca dei due fidanzati che solo dopo innumerevoli peripezie riescono a coronare il loro amore, infatti, sono racchiusi una trama intrigante e complessa, una sorprendente finezza psicologica nella caratterizzazione dei personaggi, un senso ironico tagliente che sa ...

Adelchi

Adelchi di Alessandro Manzoni Sinapsi Editore

L'Adelchi fu composta in anni cruciali per le cospirazioni risorgimentali in Lombardia. In un contesto ricco degli echi di tragici echi contemporanei si inscena - come già avvenuto nel Conte di Carmagnola - il dramma dell'impossibile conciliazione tra felicità dell'individuo e ragioni del potere. Al centro del dramma è la figura di Adelchi, il principe longobardo che assiste impotente alla ...

Storia della colonna infame

Storia della colonna infame di Alessandro Manzoni Sinapsi Editore

Questo capolavoro del Manzoni maturo, dedicato al processo contro i cosiddetti untori della peste di Milano, è un affresco del Seicento lombardo che completa in un certo senso la ricerca storica cominciata con I Promessi sposi. L'autore narra, attraverso l'attenta e documentata ricostruzione degli interrogatori a Guglielmo Piazza e Gian Giacomo Mora, e agli altri sfortunati comprimari del ...

Storia della colonna infame

Storia della colonna infame di Alessandro Manzoni Bauer Books

La vicenda narra del processo intentato a Milano, durante la terribile peste del 1630, contro due presunti untori, ritenuti responsabili del contagio pestilenziale tramite misteriose sostanze, in seguito ad un'accusa - infondata - da parte di una "donnicciola" del popolo, Caterina Rosa.