Marzo 1821 (annotato): edizione integrale arricchita da una biografia dettagliata e dal saggio "Dell'equivalenza manzoniana"

Compra su Amazon

Marzo 1821 (annotato): edizione integrale arricchita da una biografia dettagliata e dal saggio "Dell'equivalenza manzoniana"
Autore
Alessandro Manzoni
Pubblicazione
11 luglio 2015
Categorie
Edizione integrale arricchita da:


- biografia dettagliata
- saggio “Dell'equivalenza manzoniana”



SINOSSI

Alessandro Manzoni, celebrato autore de “I promessi sposi”, non fu solo romanziere, ma anche poeta. Uno dei componimenti di maggior importanza fu “Marzo 1821”.
Composto da tredi strofe di otto versi ciascuna, venne scritto di getto dopo il successo dei moti carbonari piemontesi.
La speranza che il nuovo sovrano sabaudo adottasse provvedimenti maggiormente libertari e muovesse militarmente in Lombardia contro gli Austriaci ispirarono Alessandro Manzoni, ma la delusione di Carlo Alberto e il pericolo di aver scritto quei versi lo indussero a distruggere il componimento che, però, rivide la luce nel 1848, dopo le cinque giornate di Milano.
La versione integrale qui presentata è arricchita dalla biografia dell’autore e dal saggio “Dell’equivalenza manzoniana”.




L’AUTORE

Alessandro Manzoni, inarrivabile autore de “I promessi sposi”, nacque a Milano nel 1785 da Don Pietro Manzoni e Giulia Beccaria, figlia di quel Cesare autore de “Dei delitti e delle pene”, sebbene si dicesse che in realtà fosse il frutto di una relazione adulterina della madre con Giovanni Verri, fratello cadetto di Alessandro e Pietro, noti esponenti dell'Illuminismo.
Dopo avere trascorso la sua gioventù presso alcuni collegi gestiti da religiosi nel milanese e in Svizzera, a trenta anni si riunì A Parigi con la madre appena rimasta sola a causa della morte del compagno Carlo Imbonati. Ivi conobbe e sposò con rito calvinista la prima moglie Enrichetta Blondel, figlia di un banchiere, da cui ebbe dieci figli. All’età di trentacinque anni si convertì al cattolicesimo di stampo giansenista. Da quel momento la sua vita e la sua produzione artistica mutarono radicalmente.
Dopo la morte di del padre Don Pietro Manzoni, si trasferì definitivamente a Milano con tutta la famiglia.
La sua vita fu ricca di gioie e affetti, ma anche di molti dolori (le due mogli e ben otto dei suoi figli gli premorirono).
Studioso e letterato, dedicò tutta la sua vita alla poesia, di cui di lascia opere immortali quali “Marzo 1821” e “Cinque maggio”, e alla stesura de “I promessi sposi”, il romanzo romantico e risorgimentale per antonomasia, capolavoro assoluto dell’Ottocento, a cui lavorò indefessamente per quasi trenta anni. “I promessi sposi”, opera rivoluzionaria che ebbe un successo di pubblico e di vendite senza pari che si protrae sino ai giorni nostri, procurò ad Alessandro Manzoni fama internazionale, ma nessun ritorno di natura economica.
Morì ottuagenario nel 1873, acclamato come patriota e padre della lingua italiana moderna.
In suo onore Giuseppe Verdi compose ed eseguì una “Messa da requiem”.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alessandro Manzoni

I promessi sposi. Storia della colonna infame (Einaudi) (Einaudi tascabili. Classici Vol. 1717)

I promessi sposi. Storia della colonna infame (Einaudi) (Einaudi tascabili. Classici Vol. 1717) di

La storia nota di un curato di campagna pauroso e vile che, minacciato dai bravi, si rifiuta di sposare due giovani, è il capolavoro della letteratura italiana dell'Ottocento. Manzoni trova la forma e la lingua perfette solo alla terza edizione, a cui aggiunge Storia della colonna infame : ideale conclusione del romanzo, racconta il processo contro due presunti untori, ulteriore esempio di opp...

Storia della colonna infame (eNewton Zeroquarantanove)

Storia della colonna infame (eNewton Zeroquarantanove) di

Edizione integraleIntroduzione e cura di Ferruccio UliviIn un tempo, come l'attuale, di dolorosi e talvolta dilanianti assilli giudiziari e processuali, forse nessun testo può risultare all'ordine del giorno meglio di queste scarne e terribili pagine della Storia della colonna infame di Alessandro Manzoni. È vero che si trattava in quel caso di sventurati innocenti. Argomento, la ricostruzione ...

I promessi sposi (Romanzi d'Italia)

I promessi sposi (Romanzi d'Italia) di

Se i promessi sposi è uno dei capolavori della letteratura italiana, Manzoni è lo scrittore che più di ogni altro rifiutò di essere “all’italiana”. Scelse un genere disprezzato come il romanzo e un secolo deriso come il Seicento, ma soprattutto scelse una lingua nuova, che facesse parlare i grandi della terra e la gente del popolo, che potesse descrivere guerre, pestilenze e conversioni senza e...

I Promessi sposi (Garzanti Grandi Libri)

I Promessi sposi (Garzanti Grandi Libri) di

Una risoluta disposizione a rispettare lo svolgimento disordinato e imprevedibile della vita governa il capolavoro manzoniano. Seguendo un filo modesto che si dipana e si arruffa, rimbalza in ogni direzione, il narratore giunge a scoprire la rete di connessioni che unisce tutte le parti della babelica dimora umana, dalle più grandiose alle più inospitali, e l’intimo rapporto di necessità che co...

I promessi sposi (eNewton Classici)

I promessi sposi (eNewton Classici) di

A cura di Ferruccio UliviEdizione integraleLa storia di Renzo e Lucia, don Abbondio e padre Cristoforo, don Rodrigo e l’Innominato ha appassionato generazioni di lettori e occupa ancora oggi un posto del tutto speciale nelle biblioteche degli italiani. «Storia milanese del XVII secolo scoperta e rifatta da Alessandro Manzoni» era il sottotitolo con cui l’autore presentava I promessi sposi, uno ...

Adelchi

Adelchi di

Adelchi di Alessandro Manzoni