Così ricorderò il tuo nome

Dalla cella in cui è stata rinchiusa, Maya racconta la sua verità, confidandosi con l’ultima cosa rimastale, dopo che tutti le hanno voltato le spalle, le pagine bianche di un Block notes.


"Ci sono forze capaci di trascinarci. Ci costringono a perseverare, a non fermarci di fronte a nulla. Sono forze pericolose, forze che non si è in grado di gestire, che ci annebbiano la vista e ci confondono i pensieri. Ci spingono a fare cose che mai avremmo pensato di fare, ci avvelenano dentro e ci scorrono nelle vene".

Sono queste le forze che si annidano nel cuore di Maya e che la porteranno a compiere la sua vendetta, nel modo più crudele e spietato concepito dall'essere umano, usando uno degli strumenti di tortura medievali più raccapriccianti della storia.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo