David Copperfield

David Copperfield è l'ottavo romanzo scritto da Charles Dickens, pubblicato per la prima volta mensilmente su rivista tra il 1849 e il 1850.
«Di tutti i miei libri, quello che più amo è questo... come molti genitori amorosi, ho nel più profondo del cuore un figlio preferito: il suo nome è David Copperfield» (Prefazione di Dickens).
Come quasi tutti i lavori di Dickens, il romanzo è stato pubblicato a puntate mensili su un giornale di proprietà dello stesso scrittore, riscuotendo subito un enorme successo. Molti degli elementi del romanzo si ispirano ad eventi della vita stessa dell'autore; esso, infatti, si può considerare l'autobiografia romanzata della vita del grande scrittore ottocentesco, il più autobiografico tra tutti i libri da lui scritti. L'opera inoltre viene considerata una industrial novel, perché in essa si riflette la miseria vissuta durante la rivoluzione industriale, quando era molto diffuso lo sfruttamento delle donne e dei bambini nelle fabbriche.
Lev Tolstoj, che considerava Dickens il migliore di tutti i romanzieri inglesi, dichiarò che "David Copperfield" era il suo romanzo riuscito meglio; Henry James ricordò di amare sentirlo leggere da sua madre nascosto sotto un tavolino; Fëdor Dostoevskij rimase affascinato dalla sua lettura nel campo di prigionia in Siberia; Franz Kafka definì il suo libro "America" "una pura imitazione" di esso; James Joyce espresse il suo rispetto per questo romanzo nel suo libro "Ulisse"; Virginia Woolf, che non aveva normalmente una grande considerazione per Dickens, confessò il valore di questo romanzo, che racconta "i miti e le memorie della vita"; esso era inoltre il romanzo preferito di Sigmund Freud.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

David CopperfieldMangialibri

David Copperfield racconta in prima persona gli accadimenti della sua avventurosa esistenza e partendo dai ricordi infantili fino all’età adulta descrive con minuzia di particolari i luoghi, gli ambienti, il carattere delle persone che ha conosciuto, i suoi affetti, i dubbi, il lavoro, le scelte e le ragioni che lo hanno portato a essere l’uomo che è diventato. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Charles Dickens

Il Circolo Pickwick: con Introduzione e Note di Anna Morena Mozzillo

Il Circolo Pickwick: con Introduzione e Note di Anna Morena Mozzillo di

Nel 1836 uscì il primo capitolo del romanzo “The Posthumous Papers of the Pickwick Club” sul giornale Morning Chronicle. “The Pickwick Papers”, come il titolo venne abbreviato, fu pubblicato a fascicoli con cadenza mensile, e riscosse subito un grande successo di pubblico. Ne “Il Circolo Picwick”, titolo col quale il romanzo è conosciuto in Italia, i personaggi sono tanti e le loro avventure va...

La piccola Dorrit

La piccola Dorrit di

Una trentina d'anni fa, Marsiglia bruciava un giorno ai raggi infocati del sole.Nella Francia meridionale, un sole ardente in un giorno canicolare di agosto non era allora un fenomeno più strano di quanto in altri tempi sia stato o di quanto sia adesso. Ogni cosa dentro ed intorno a Marsiglia pareva che avesse sbarrato gli occhi, abbagliata ed abbagliante, al cielo infocato; fino al punto che q...

Le due città

Le due città di

Era il tempo migliore e il tempo peggiore, la stagione della saggezza e la stagione della follia, l'epoca della fede e l'epoca dell'incredulità, il periodo della luce e il periodo delle tenebre, la primavera della speranza e l'inverno della disperazione. Avevamo tutto dinanzi a noi, non avevamo nulla dinanzi a noi; eravamo tutti diretti al cielo, eravamo tutti diretti a quell'altra parte — a fa...

La bottega dell'antiquario

La bottega dell'antiquario di

È mio costume, vecchio qual sono, d'andare a passeggio quasi sempre di notte. L'estate, spesso, me n'esco di casa la mattina presto, e giro per i campi e i viottoli tutta la giornata, o anche me ne sto lontano per giorni o settimane di fila; ma, tranne che in campagna, di rado esco se non al buio, sebbene, e ne sia ringraziato il Cielo, io ami la luce del giorno e senta, al pari d'ogni creatura...

Cantico di Natale : A Christmas Carol (Illustrated) (Testo inglese a fronte Vol. 1)

Cantico di Natale : A Christmas Carol (Illustrated) (Testo inglese a fronte Vol. 1) di

Cantico di Natale - Testo Inglese a fronteA Chistmas CarolUna bellissima favola di Natale.“It is a fair, even-handed, noble adjustment of things, that while there is infection in disease and sorrow, there is nothing in the world so irresistibly contagious as laughter and good humour.” “You are fettered," said Scrooge, trembling. "Tell me why?""I wear the chain I forged in life," replied the Gh...

Le Due città

Le Due città di

Uno dei libri più belli dei classici è "Le Due Città” scritto da Charles Dickens. Un libro che fa parte della grande famiglia di quei classici della letteratura apprezzati, studiati e discussi nel nostro tempo. Un libro da leggere e scoprire.